Sinodo sulla famiglia

Ultimi contenuti per il percorso 'Sinodo sulla famiglia'

Il Sinodo si avvia alla sua conclusione. Non si può ancora, perciò, prevederne l’esito, ma si possono già fare delle considerazioni sul significato e l’andamento di questa assise, destinata a rimanere nella storia della Chiesa di questi ultimi decenni come uno dei più significativi momenti del suo cammino verso una sempre più piena collegialità.

Nella «Relatio finalis», che la Commissione sta elaborando come documento conclusivo del Sinodo, ci sono «tutte le domande, ma non tutte le risposte». Lo ha detto il cardinale Oswald Gracias, arcivescovo di Bombay e membro della Commissione incaricata dal Papa di redigere il testo con cui si concluderà il cammino biennale del Sinodo sulla famiglia, rispondendo alle domande dei giornalisti durante il briefing di oggi in sala stampa vaticana.

Accompagnamento, discernimento, proposte pastorali. Si è svolto su questi binari il dibattito dei 13 Circoli minori sulla terza parte dell’Instrumentum laboris, di cui la sala stampa della Santa Sede, il 21 ottobre, ha diffuso la sintesi. Le sintesi, ha riferito padre Federico Lombardi, direttore della sala stampa della Santa Sede, sono state inviate alla Segreteria del Sinodo, cui spetterà integrarle con i 500 «modi» giunti dai 270 padri sinodali sull’Instrumentum laboris.

L’importanza di un’adeguata preparazione al matrimonio, la riforma delle cause di riconoscimento di nullità matrimoniale alla luce dell’insegnamento della Chiesa, le sfide che le famiglie affrontano in alcuni Paesi. Questi i temi al centro del consueto briefing sull’assemblea sinodale che si è tenuto il 20 ottobre.

Diversità di opinioni, concretezza, unanimità nella convinzione che misericordia, verità e dottrina camminino insieme. Molto presente la questione dell’ammissibilità dei divorziati risposati all’eucaristia anche se, è stato precisato, non vi è stato al riguardo alcun intervento esplicito. È la fotografia dei lavori del Sinodo, giunti oggi, 19 ottobre, alla terza e ultima settimana con la discussione nei Circoli minori della terza parte dell’Instrumentum laboris.

Il cardinale Walter Kasper: «Auguriamo che lo Spirito Santo illumini i Padri Sinodali e li unisca al Papa. Auguriamo che la grande maggioranza dei presenti sia accanto al Papa nella risoluzione dei problemi». La rivelazione: «È probabile che per un documento finale serva un po’ più di tempo, ma spero che il Papa dica già qualcosa alla fine dei lavori, dopo aver ricevuto tutte le relazioni».

«Il cammino della sinodalità è il cammino che Dio si aspetta dalla Chiesa del terzo millennio». Lo ha detto Papa Francesco, che nel discorso pronunciato in occasione del 50° del Sinodo, in Aula Paolo VI, ha ricordato che «fin dall’inizio del mio ministero come vescovo di Roma ho inteso valorizzare il Sinodo, che costituisce una delle eredità più preziose dell’ultima assise conciliare».

Il Sinodo sulla famiglia ha sospeso stamani i lavori per la celebrazione dei 50 anni del Sinodo. Papa Francesco ha fatto il suo ingresso puntuale, alle 9, in Aula Paolo VI, dove lo attendevano i 270 padri sinodali e numerosissimi fedeli. Gli interventi dei card. Baldisseri, Schönborn, Nichols e di mons. Lebouakehan.