Vita consacrata

Ultimi contenuti per il percorso 'Vita consacrata'

Sono più di quattrocento gli interrogatori che le autorità autorità giudiziarie egiziane della regione del Wadi Natrun hanno già realizzato o intendono predisporre nei prossimi giorni, nel quadro delle indagini sull'omicidio del vescovo copto ortodosso Epiphanius, ucciso all'alba di domenica 29 luglio nel monastero di San Macario, di cui era abate. Tawadros II ha varato misure più rigide per la vita dei monasteri.

Sul colle dove i Sette Santi fondarono l’ordine dei Servi di Maria, oggi in tanti salgono a cercare un’occasione  di meditazione, o semplicemente per godere la bellezza di questi ambienti immersi nel verde. Il convento ospita incontri, ritiri, mostre d’arte e un apprezzato corso di iconografia.

A Firenze per celebrare l'eucarestia in San Miniato al Monte, la basilica che festeggia i mille anni di vita, in occasione della festa di San Benedetto, il presidente dei vescovi italiani, parlando con i giornalisti, ha ribadito la posizione della Chiesa sulla questione immigrazione e ha parlato anche di Europa e di Giorgio La Pira. 

«Vi ringrazio per tutto il bene che fate nella Chiesa e lì dove lavorate per il Regno di Dio: America, Africa ed Europa». Con queste parole il Papa ha cominciato il suo discorso alle Suore Teatine dell’Immacolata Concezione, che celebrano i 400 anni dalla morte della loro fondatrice, la venerabile Orsola Benincasa, accompagnate dai Padri Teatini.

La Congregazione per gli Istituti di vita consacrata e le Società di vita apostolica ha pubblicato un’Istruzione («Cor Orans») per rendere operativa la costituzione apostolica «Vultum quaerere» di Papa Francesco sulla vita contemplativa femminile. Nel mondo le suore di clausura sono 37.970. Ecco cosa prevede l'Istruzione vaticana.

Giovedì 19 aprile Papa Francesco ha ricevuto i monaci e le monache della Confederazione Benedettina in occasione del 125° anniversario della fondazione. La spiritualità benedettina - ha ricordato il Papa - è rinomata per il suo motto: «Ora et labora et lege». Preghiera, lavoro, studio. Nella vita contemplativa, Dio spesso annuncia la sua presenza in maniera inaspettata. 

San Benedetto «seppe discernere tra l'essenziale e il secondario nella vita spirituale, ponendo saldamente al centro il Signore. Possiate anche voi, suoi figli in questo nostro tempo, praticare il discernimento per riconoscere ciò che viene dallo Spirito Santo e ciò che viene dallo spirito del mondo o dallo spirito del diavolo». È l'augurio espresso da Papa Francesco ai monaci della Confederazione benedettina, ricevuti questa mattina in occasione del 125° anniversario della fondazione della Confederazione e della posa della prima pietra della Badia Primaziale di Sant'Anselmo a Roma.