preghiera

Ultimi contenuti per il percorso 'preghiera'

La Segreteria generale della Cei ha inviato e indirizzato ai membri della Conferenza episcopale italiana una nota riguardante una preghiera dei fedeli per i morti in mare da leggere in tutte le parrocchie, durante le celebrazioni di domenica prossima. La pubblichiamo integralmente.

Mercoledì 12 maggio ore 20.50 il Rosario, ore 21.40 lo speciale condotto da Paola Saluzzi. Nello speciale intervengono mons. Rino Fisichella, i giornalisti Gian Franco Svidercoschi e Antonio Preziosi, Luca Buzzonetti, figlio del professore Renato Buzzonetti, medico personale del Pontefice. Con le testimonianze di Arturo Mari, fotografo del Pontefice, e Mario Scipioni, agente Polizia Ispettorato Vaticano

Celebrata solennemente, domenica 2 maggio, la festa della Madonna delle Grazie, compatrona della diocesi di Grosseto, per il mese di maggio il vescovo Rodolfo propone un itinerario di preghiera in otto chiese della Diocesi intitolate a Maria per recitare insieme il Rosario meditando le 40 parole che compongono l’Ave Maria così come chiesto da papa Francesco.

Per vivo desiderio di Papa Francesco, il mese di maggio sarà dedicato a una “maratona” di preghiera per invocare la fine della pandemia, che affligge il mondo da ormai più di un anno e per la ripresa delle attività sociali e lavorative. È quanto si legge in un comunicato del Pontificio Consiglio per la promozione della nuova evangelizzazione, in cui si ricorda che Papa Francesco ha voluto coinvolgere tutti i Santuari del mondo in questa iniziativa, “perché si rendano strumenti per una preghiera di tutta la Chiesa”.

Anche quest’anno ci apprestiamo a vivere la Quaresima in una situazione di paura e incertezza causata dall’emergenza sanitaria. E anche quest’anno, le famiglie sono chiamate a essere protagoniste. Carlo e Costanza, Niccolò e Lucia, Filippo e Francesca, insieme ai loro figli, si preparano a partecipare con fede ed entusiasmo a questo importante periodo dell’anno liturgico.

«Riservare una speciale attenzione alle persone malate e a coloro che le assistono, sia nei luoghi deputati alla cura sia in seno alle famiglie e alle comunità». È il messaggio diffuso da Papa Francesco in occasione della 29esima edizione della Giornata mondiale del Malato che si celebra giovedì 11 febbraio.