Italia
stampa

Libertà di parola: Forum famiglie, «se è a senso unico si chiama censura»

«Noi non temiamo il contraddittorio o la polemica, ma temiamo l‘uso strumentale che di una polemica si può fare. Nessuno può essere obbligato a condividere le parole scritte dal settimanale Tempi, ma a nessuno può neppure essere concesso di contestarle in malo modo e sui muri. Perché mai si sarebbe scesi in piazza per invocare la libertà di stampa di Charlie - che pure sopra le righe ci è andato spesso - se poi in casa nostra quella libertà è sbeffeggiata e calpestata?». È la domanda che pone oggi il Forum nazionale delle associazioni familiari.

Percorsi: Forum famiglie

Al tempo stesso «perché può essere consentito ad un gruppo di militanti di Omphalos Arcigay di distribuire nel 2012 in una scuola di Perugia volantini con le istruzioni per l'uso dell'amore omosessuale? Materiale a dir poco inappropriato e alla soglia del pornografico, di sicuro non concordato ed autorizzato dal preside. Nessuno ha avuto nulla da dire - sottolinea il Forum -, ma quando nel giugno scorso Simone Pillon, membro del direttivo del Forum, ha denunciato in un‘occasione pubblica quell'abuso, è stato sommerso di querele e denunce ed un giudice ha pensato bene di sequestrare il video del suo intervento dal sito del Forum dell'Umbria. Un sequestro motivato dall‘uso di quell'ironia garantita dalla libertà di espressione».

«La sensazione è che qualcuno voglia radicalizzare il dibattito pubblico su temi caldi come l‘omofobia o le unioni omosessuali», osserva il Forum nazionale delle associazioni familiari. Ma «questo è il modo peggiore per affrontare temi sociali rilevanti. O meglio: è il modo migliore per approdare a decisioni improprie e per aprire ferite che non si rimargineranno». Secondo il Forum, «qualcuno sembra voler perseguire proprio questo. Di certo non sono le famiglie che, nel massimo rispetto dell‘individuo e delle libertà personali, chiedono solo di poter educare i propri figli in libertà di coscienza e di poter affermare liberamente che un bambino ha bisogno di un papà e di una mamma». E, conclude, «chi non lo condivide ce lo lasci dire».

Fonte: Sir
Libertà di parola: Forum famiglie, «se è a senso unico si chiama censura»
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento