Mondo
stampa

Santa Sede: mons. Toso, discriminazione verso i cristiani grave minaccia per la società

La discriminazione nei confronti dei cristiani «deve essere considerata una grave minaccia all'intera società» e va combattuta come si fa «con l'antisemitismo e l'islamofobia». Lo ha detto a Tirana, in Albania, il vescovo Mario Toso, segretario del Pontificio Consiglio Giustizia e Pace.

Percorsi: Santa Sede
Parole chiave: libertà religiosa (36)

Occasione dell'intervento - pronunciato nei giorni scorsi ma diffuso oggi dalla sala stampa della Santa Sede - la Conferenza sulla tolleranza e la non discriminazione promossa dall'Osce, l'Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa. Con l'Editto di Milano, 1700 anni fa l'imperatore Costantino «liberava» dalle persecuzioni sistematiche i seguaci di Cristo. Diciassette secoli dopo, nello stesso teatro europeo, «gli episodi di intolleranza e di discriminazione nei confronti dei cristiani non solo non sono diminuiti, ma sono addirittura aumentati», fa notare il vescovo. «Spesso ai cristiani - il grido d'allarme - viene ricordato che possono credere tutto ciò che vogliono nelle loro case e nelle loro teste, e che possono rendere culto come desiderano nelle loro chiese private, ma che semplicemente non possono agire in base a queste credenze in pubblico». Per monsignor Toso, si tratta «di una distorsione deliberata e di una limitazione del vero significato della libertà di religione», che ha ricadute in almeno due ambiti.

Il primo è «l'intolleranza nei confronti del discorso cristiano». A riprova, monsignor Toso ha ricordato l'aumento di minacce e arresti contro cristiani rei di essersi espressi su questioni riguardanti la loro fede, braccati perfino sui social network. Il secondo ambito è quello della «coscienza cristiana», specialmente sul posto di lavoro. «In tutta Europa - ha riferito - si sono verificati numerosi casi di cristiani allontanati dal luogo di lavoro solo perché hanno cercato di agire secondo la propria coscienza». Il risultato è che alcuni cittadini dell'area Osce «sono costretti a scegliere tra due scenari improbabili: possono abbandonare la propria fede e agire contro la loro coscienza, oppure resistere e affrontare il fatto di perdere il loro sostentamento». Di qui la richiesta della Santa Sede agli Stati Osce: la discriminazione nei confronti dei cristiani - anche laddove costituiscono una maggioranza - sia «considerata una grave minaccia all'intera società» e quindi «combattuta proprio come giustamente si fa con l'antisemitismo e l'islamofobia». «Negare a un argomento morale, basato sulla religione, un posto nella pubblica piazza è un atto di intolleranza ed è antidemocratico», incalza monsignor Toso. «O, per dirlo in altre parole, laddove potrebbe esservi uno scontro di diritti, la libertà di religione non deve mai essere considerata come inferiore».

Fonte: Sir
Santa Sede: mons. Toso, discriminazione verso i cristiani grave minaccia per la società
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento