Mondo
stampa

Serbia: bilancio dopo alluvioni. ortodossi e cattolici hanno lavorato insieme

«La grande tragedia delle alluvioni, nella quale più di 50 persone hanno perso la vita, ha suscitato un'immensa ondata di solidarietà». Lo ha dichiarato l'arcivescovo di Belgrado, mons. Stanislav Hocevar, riflettendo sulle conseguenze dalle forti alluvioni che hanno colpito 38 comuni in Serbia lo scorso maggio.

Percorsi: Alluvioni - Ecumenismo - Serbia

«Abbiamo sentito non solo le difficoltà causate dalle calamità naturali, ma soprattutto l'importanza dell'aiuto reciproco», ha affermato il presule in una sorta di bilancio del 2014. È stata ricordata anche la sinergia tra le autorità statali, diverse organizzazioni non governative, la Chiesa ortodossa, la Chiesa cattolica e i Paesi donatori. L'aiuto della Caritas ai colpiti dalle alluvioni ammonta a più di 2 milioni di euro. Il vescovo ortodosso di Sabac (una delle località più colpite), Lavrentije Trifunovic, ha espresso «una grande gratitudine ai fratelli cattolici dai quali possiamo imparare molto nel servizio di carità per il prossimo». E ha aggiunto: «Questo esempio di applicazione della fede nella vita ci spinge a imitarli e a non dimenticare i poveri». Anche secondo il direttore di Caritas Sabac, Miroljub Nikolic, «quando le Chiese collaborano possono fare di più». «Nell'aiuto ai bisognosi si vede concretamente che cosa possiamo fare quando siamo uniti», ha concluso Nikolic.

Fonte: Sir
Serbia: bilancio dopo alluvioni. ortodossi e cattolici hanno lavorato insieme
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento