Toscana
stampa

Bcc: i lavoratori della Toscana sul piede di guerra per difendere il loro Contratto

Fallito il tentativo di conciliazione nazionale presso il Ministero del Lavoro, per gli oltre 37.000 lavoratori delle 379 BCC italiane il Contratto Nazionale di lavoro rimane disdettato. Dopo mesi di infruttuose trattative, i Sindacati hanno proclamato lo stato di agitazione, che culminerà con lo sciopero nazionale indetto per il prossimo 2 marzo.

Percorsi: Banche - Lavoro - Sindacati
Parole chiave: bcc (20), sciopero (6)

Le BCC sono organizzate in Federazioni regionali: quella Toscana BCC raccoglie 26 banche, per un totale di 305 sportelli in tutta la regione, 94.600 soci e 2.505 dipendenti. Per i lavoratori delle BCC in regione, le cose si complicano: anche la Federazione Toscana BCC ha aderito alla disposizione di Federcasse di disapplicare le norme del Contratto integrativo, dal prossimo 1° aprile. Si interrompe così una storia trentennale di relazioni sindacali fra la Federazione Toscana e i dipendenti delle BCC toscane e si apre una lunga stagione di duro confronto.
Tutti i Sindacati unitariamente hanno chiamato i lavoratori alla mobilitazione, attraverso varie iniziative a sostegno della vertenza sul Contratto Nazionale e Integrativo. A partire dal 16 febbraio i dipendenti della Toscana hanno revocato la propria disponibilità ad aprire le filiali il sabato e hanno iniziato lo sciopero del lavoro straordinario.
Il 3 marzo 2015 è prevista un’imponente manifestazione a Pietrasanta, di fronte alla Banca della Versilia, guidata dal Presidente della Federazione Toscana BCC, avv. Umberto Guidugli, dove è previsto l’arrivo di pullman provenienti da tutte e 26 le BCC della Toscana. Tale manifestazione ha  lo scopo di informare clienti e Soci di quanto sta accadendo nelle  “banchine”.

Fonte: Comunicato stampa
Bcc: i lavoratori della Toscana sul piede di guerra per difendere il loro Contratto
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento