Toscana
stampa

Firenze, giornata di studio sulle malattie rare in ematologia non oncologica

«Le malattie rare in ematologia non oncologica: Dagli aspetti organizzativi alle terapie innovative», è il Convegno organizzato da Elleventi  che  si sta svolgendo oggi 23 ottobre a Firenze presso Villa «La Quiete» Via di Boldrone, 2 dalle ore 8.30. 

Percorsi: Firenze - Ricerca - Sanità

L’evento scientifico è organizzato dal dottor Giancarlo Castaman, Centro Malattie Emorragiche, Dipartimento Cardiotoracovascolare dell’Azienda Ospedaliera Universitaria Careggi e  dal professor Alberto Bosi, Direttore della Cattedra di Ematologia, Dipartimento di Oncologia, AOU Careggi. Apre il Convegno il Direttore  generale di Careggi Monica Calamai e il professor Gian Franco Gensini, Direttore della Scuola di Specializzazione di Medicina Interna dell'Università di Firenze  e del Dipartimento Cardiotoracovascolare. Un incontro dedicato alle nuove frontiere della medicina, articolato in tre sessioni dove sono affrontate tematiche quali: microangiopatie trombotiche e nuove terapie per le forme resistenti e atipiche, le iniziative nazionali ed europee per la lotta alle sindromi emorragiche congenite; anemie emolitiche non immuni, e manifestazioni ematologiche nella malattia di Gaucher, non trascurando il rischio trombotico nelle emoglobinopatie ereditarie.

Durante  l’evento si è cercato di fare una messa a punto critica su tematiche dibattute come: Trombofilia venosa ereditaria: cosa rimane dopo 50 anni? e, Le piastrinopenie: un fenomeno frequente, una patogenesi spesso misconosciuta, una malattia rara? il Corso è inserito nel Piano Formativo 2015 per la Formazione Continua in Medicina (ECM), ottenendo 8 crediti.

Fonte: Comunicato stampa
Firenze, giornata di studio sulle malattie rare in ematologia non oncologica
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento