Toscana
stampa

Firenze illumina di rosso Palazzo Vecchio per la Siria

Firenze accende le luci per la Siria. Il Comune, primo in Italia, ha aderito alla campagna «#WithSyria» lanciata a livello internazionale da Oxfam.

Percorsi: Firenze - Siria
Parole chiave: #WithSyria (1)
Il Sindaco di Firenze Dario Nardella illustra l'iniziativa pro Siria

Dal 13 al 19 marzo Firenze illuminerà di rosso Palazzo Vecchio e il Nettuno di piazza della Signoria mentre giochi di luce, fiaccolate e illuminazioni speciali saranno effettuate a Londra, Washington, Madrid, Parigi, Melbourne, Dublino, Bruxelles, Belfast, Boston. Inoltre il 16 marzo, in occasione di Fiorentina-Milan, i volontari di Oxfam Italia, grazie alla collaborazione con l'Acf Fiorentina, raccoglieranno fondi a sostegno delle attività a favore dei profughi siriani.

«Firenze città di pace - ha detto il sindaco Dario Nardella, che ha firmato la petizione indirizzata ai leader mondiali - è vicina al popolo siriano, vittima di un conflitto iniziato quattro anni fa che sta causando ancora oggi migliaia di vittime e di rifugiati. La diplomazia delle città può arrivare dove non arriva la diplomazia degli Stati perché nelle città si vivono concretamente i valori delle relazioni umane. Per questo i sindaci hanno la consapevolezza e la credibilità per chiedere che si porti pace e prosperità anche nelle comunità dei Paesi in guerra».

Quattro anni di guerra hanno già provocato in Siria 220 mila vittime, di cui 76 mila solo nel 2014, e 11,4 milioni di profughi, la metà della popolazione. «Chiediamo ai leader mondiali - ha detto Roberto Barbieri, direttore generale di Oxfam Italia - di agire in fretta per favorire una soluzione politica fondata sui diritti umani, proteggere i civili e potenziare la risposta umanitaria».

Firenze illumina di rosso Palazzo Vecchio per la Siria
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento