Toscana
stampa

Firenze sarà il primo Comune ad applicare decalogo per prevenire le allergie da pollini

In parchi e giardini pubblici stop alle piante che possano causare allergie. Firenze sarà il primo comune italiano ad applicare i punti suggeriti dal Decalogo realizzato dagli specialisti allergologi della Società Italiana di Allergologia, Asma e Immunologia Clinica.

Percorsi: Ambiente - Firenze - Sanità
Un parco fiorentino: il Giardino Bardini

La proposta, avanzata dalla consigliere Cristina Scaletti è stata approvata all'unanimità in commissione e approderà preso in Consiglio per la ratifica definitiva che appare scontata. «È un grande passo in avanti – ha commentato Cristina Scaletti -: anche nell’attenzione del verde pubblico si manifesta la volontà di creare un microclima e un ambiente che sia preventivo nei confronti delle patologie allergiche; questa è stata la molla che ha fatto scattare l’unanimità. Con questa decisione, Firenze si candida a divenire capofila dei comuni italiani nell’adottare questo protocollo. Si è sancito un importante passo in avanti: si è sensibilizzata l’opinione politica, che così realizza anche un risparmio nella diagnostica e nella cura delle allergie».

Nel 2014, la Società Italiana di Allergologia, Asma e Immunologia Clinica (SIAAIC) aveva istituito una task force presieduta dal professor Vincenzo Patella dell’Università di Salerno sui cambiamenti climatici e ambientali. «Abbiamo messo insieme le nostre competenze, sia come immunologi e allergologi sia di associazioni ambientaliste e abbiamo proposto un Decalogo per fissare quali sono i consigli più importanti per ridurre la presenza nell’aria dei pollini» spiega il professor Patella. Questo Decalogo si rivolge soprattutto alle amministrazioni comunali, affinché realizzino un arredo urbano che tenga conto dei possibili effetti allergizzanti. Spesso, infatti, vengono creati parchi urbani con delle piante che presentano caratteristiche allergiche, che creano grossi problemi specie nel periodo primaverile ai soggetti allergici. Si tratta di piante come l’ulivo o la betulla che hanno dei pollini cosiddetti anemofili che vengono diffusi nell’aria attraverso il vento e raggiungono facilmente le mucose respiratorie; di conseguenza inducono nelle giovani generazioni una sensibilizzazione. L’utilizzo invece di piante «entomofile», che per l’impollinazione utilizzano gli insetti, riduce questa sensibilizzazione di circa dieci volte.

«Abbiamo dunque elaborato questo Decalogo, in cui vengono fissati i punti principali da implementare da parte delle amministrazioni comunali nel momento in cui progettano le aree di verde pubblico» spiega ancora il professor Patella. «Per le persone più sensibili i vantaggi saranno immediati grazie alla riduzione di piante allergizzanti nei parchi pubblici; a trarne un sicuro beneficio saranno poi le generazioni future, poiché si ridurrà la sensibilizzazione a queste piante particolarmente allergizzanti». Il problema è particolarmente sentito nelle grandi città: da una recente ricerca, infatti, si è visto che nelle aree urbane i pollini potenziano i loro effetti allergizzanti a causa degli scarichi delle auto e, più in generale, degli idrocarburi.

La prima amministrazione che si è fatta avanti per mettere in atto questa prevenzione delle allergie senza rinunciare al verde pubblico è stato il comune di Firenze, esempio che potrebbe essere seguito a breve da altre amministrazioni. A questo proposito il Presidente della SIAAIC Giorgio Walter Canonica avvierà i contatti con l’ANCI (Associazione Nazionale Comuni d’Italia), la quale si farà carico di indicare a tutti i comuni la strada da seguire.

Fonte: Comunicato stampa
Firenze sarà il primo Comune ad applicare decalogo per prevenire le allergie da pollini
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento