Toscana
stampa

Fusione comuni: via libera alle leggi istitutive

Il 1° gennaio prossimo nasceranno in Toscana quattro nuovi comuni, frutto dei processi di fusione: Scarperia e San Piero (Fi), Casciana Terme Lari (Pi), Crespina Lorenzana (Pi), Pratovecchio Stia (Ar).  Il Consiglio regionale, prendendo atto dei risultati dei referendum, all’uanimità ha approvato le leggi istitutive.

Parole chiave: fusione comuni (11)

All’inizio del nuovo anno i comuni originari saranno dichiarati estinti e le funzioni amministrative saranno esercitate da un commissario nominato dalla Prefettura, che resterà in carica fino all’insediamento dei nuovi organi dopo le elezioni, così come prevede la legge nazionale.

Al fine di garantire la continuità amministrativa, gli atti normativi, i piani, i regolamenti, gli strumenti urbanistici ed i bilanci dei comuni estinti resteranno in vigore fino all’approvazione da parte del commissario o degli organi del nuovo comune dei corrispondenti atti.

È stato il presidente della commissione Affari istituzionali, Marco Manneschi (IdV), ad illustrare le proposte di legge, esprimendo soddisfazione per gli esiti dei referendum. “Più che gli aspetti economici e finanziari, pure importanti - ha osservato – quello che risulta determinante per unire comunità diverse è la progettualità”.

Il presidente ha infine assicurato che il comune di San Piero a Sieve, sulla base degli accertamenti fatti, non dovrebbe avere un debito fuori bilancio per il contenzioso aperto su alcune aree. Nessun impedimento, quindi, alla fusione.

Fonte: Comunicato stampa
Fusione comuni: via libera alle leggi istitutive
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento