Vita Chiesa
stampa

Agenzia Fides: nel 2014 uccisi 26 operatori pastorali, 17 sono preti

Sono stati 26 gli operatori pastorali, 17 dei quali sacerdoti, uccisi nell'arco del 2014, tre in più rispetto all'anno scorso. Il dato è contenuto nel Rapporto che l'agenzia Fides dedica ogni anno ai membri della Chiesa cattolica vittime in larga parte di atti di violenza subiti nell'esercizio del loro ministero. Per il sesto anno consecutivo, rileva il Rapporto, il numero più alto di operatori pastorali uccisi si registra in America.

Cristiani perseguitati in Iraq (Foto Sir)

Negli ultimi dieci anni (2004-2013), riferisce Fides, sono stati uccisi nel mondo 230 operatori pastorali, di cui 3 vescovi. Nel 2014 sono morti in modo violento 17 sacerdoti, 1 religioso, 6 religiose, 1 seminarista, 1 laico. Secondo la ripartizione continentale, in America sono stati uccisi 14 operatori pastorali (12 sacerdoti, 1 religioso, 1 seminarista); in Africa 7 (2 sacerdoti, 5 religiose); in Asia 2 (1 sacerdote, 1 religiosa); in Oceania 2 (1 sacerdote, 1 laico); in Europa è stato ucciso 1 sacerdote. «Non possiamo tralasciare di ricordare - sottolinea Fides - quanti sono stati uccisi non dalla mano di un malvivente ma dal virus ebola, che sta mietendo migliaia di vittime in Africa occidentale, dove le strutture cattoliche, e non solo sanitarie, si sono mobilitate fin dal primo insorgere dell'epidemia».

Il Rapporto Fides, nel ricordare che nel fare memoria di queste persone «non viene usato di proposito il termine ‘martiri', se non nel suo significato etimologico di ‘testimoni'» - e questo «per non entrare in merito al giudizio che la Chiesa potrà eventualmente dare su alcuni di loro» - sottolinea che «ancora una volta la maggior parte degli operatori pastorali uccisi nel 2014 ha trovato la morte in seguito a tentativi di rapina o di furto», e che in diversi casi l'aggressione è avvenuta con «efferatezza e ferocia, segno del clima di degrado morale, di povertà economica e culturale, d'intolleranza in cui vivevano». Qualcuno, prosegue la nota, «è stato ucciso dalle stesse persone che aiutava, altri hanno aperto la porta a chi chiedeva soccorso e sono stati aggrediti, altri ancora hanno perso la vita durante una rapina, mentre rimane incerto il movente per tante altre aggressioni e rapimenti conclusisi tragicamente, di cui forse non si conosceranno mai le vere cause». In ogni caso si chiarisce che «nessuno di loro ha compiuto azioni o gesti eclatanti, ma ha vissuto con perseveranza e umiltà l'impegno quotidiano di testimoniare Cristo e il suo Vangelo in tali complesse situazioni».

«Desta ancora preoccupazione - ribadisce Fides - la sorte di altri operatori pastorali sequestrati o scomparsi, di cui non si hanno più notizie, come i tre sacerdoti congolesi Agostiniani dell'Assunzione, sequestrati nel nord Kivu, nella Repubblica democratica del Congo nell'ottobre 2012; del gesuita italiano p. Paolo Dall'Oglio, rapito in Siria nel 2013; o di p. Alexis Prem Kumar, rapito il 2 giugno scorso ad Herat, in Afghanistan». A questi «elenchi provvisori» stilati annualmente da Fides, conclude la nota dell'Agenzia, «deve sempre essere aggiunta la lunga lista dei tanti, di cui forse non si avrà mai notizia o di cui non si conoscerà neppure il nome, che in ogni angolo del pianeta soffrono e pagano con la vita la loro fede in Gesù Cristo». 

Il Dossier completo

Fonte: Sir
Agenzia Fides: nel 2014 uccisi 26 operatori pastorali, 17 sono preti
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento