Vita Chiesa
stampa

Card. Betori, ordinazione mons. Manetti: «Stare nelle dinamiche della storia»

«Stare dentro le dinamiche della storia umana, con uno spirito missionario, coraggioso e generoso, come continuamente chiede Papa Francesco, facendosi eco, con linguaggi nuovi, di istanze ribadite da tutti i Papi dal Concilio Vaticano II ad oggi». È quanto richiedono ai pastori la natura della Chiesa e il ministero del vescovo. Lo ha ricordato questa sera il cardinale arcivescovo di Firenze Giuseppe Betori, nell'omelia della celebrazione per l'ordinazione episcopale di monsignor Stefano Manetti, vescovo di Montepulciano-Chiusi-Pienza, tenutasi nella cattedrale di Santa Maria del Fiore.

Il card. Betori ha richiamato i diversi aspetti dell'esercizio del ministero episcopale: «La fedeltà alla successione apostolica, l'annuncio evangelico, la custodia del deposito della fede, la comunione ecclesiale sotto la guida del successore di Pietro, la cura del popolo cristiano e dei suoi ministri, l'accoglienza dei poveri, la ricerca di quanti sono dispersi, il permanere nella preghiera». Oggi, ha aggiunto citando l'Evangelii Gaudium, nell'invito alla missione di Gesù «sono presenti gli scenari e le sfide sempre nuovi della missione evangelizzatrice della Chiesa, e tutti siamo chiamati a questa nuova ‘uscita'» con il «coraggio di raggiungere tutte le periferie che hanno bisogno della luce del Vangelo'».

Una «uscita», ha sottolineato il card. Betori, «chiesta oggi alle Chiese e ai loro pastori, con un coraggio fondato sulla convinzione che il Vangelo è una parola di vita per tutti e ha in sé una forza di cambiamento capace di rinnovare il mondo». Ma lo slancio deve fondarsi su alcune disposizioni di fondo: «unione alla persona di Cristo morto e risorto, dedizione generosa e disinteressata verso il gregge, obbedienza al disegno di Dio, spirito di servizio». I vescovi, la precisazione di Betori, devono essere al tempo stesso «keygmatici», ossia «capaci di far emergere la pertinenza della verità di Dio alla vita dell'uomo», e «oranti», sempre «pronti a intercedere di fronte a Dio per il loro popolo», unendo «parresìa» e «pazienza». «Saluto questa Chiesa in festa! - ha detto nei suoi ringraziamenti mons. Manetti -. E giustamente è in festa: questa unzione infatti non è per me ma per voi, popolo santo di Dio. Dio ama il suo popolo e se ne prende cura: per questo unge i suoi chiamati e li dona al suo popolo». «Dio vi ama! Dio ama le sue creature - ha proseguito il neovescovo -, per questo ci invia a tutti ad annunciare il suo vangelo di misericordia».

Fonte: Sir
Card. Betori, ordinazione mons. Manetti: «Stare nelle dinamiche della storia»
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento