Vita Chiesa
stampa

Ecumenismo: card. Kasper, «abbiamo fatto passi importanti per imparare a suonare insieme»

«La cacofonia del passato non può oggi essere trasformata in sinfonia armonica» ma «abbiamo fatto passi importanti per imparare a suonare insieme». Ha usato metafore musicali il cardinale Walter Kasper, già presidente del Pontificio Consiglio per l’unità dei cristiani, per descrivere la stagione ecumenica che la Chiesa cattolica e quelle nate dalla Riforma di Lutero stanno vivendo oggi.

Il concerto ecumenico a Trento (Foto Sir)

Il cardinale ha introdotto il concerto che si è svolto ieri sera a Trento, nell’ambito del convegno ecumenico promosso, a 500 anni dalla Riforma, dall’Ufficio Cei per l’ecumenismo, in collaborazione con la Federazione delle Chiese evangeliche in Italia. Un viaggio alla scoperta dei legami anche «sonori» che la tradizione cattolica e la tradizione protestante hanno mantenuto proprio anche attraverso la musica, nonostante le divergenze teologiche.

Il concerto si è svolto nella basilica di Santa Maria Maggiore, che al tempo del Concilio di Trento fu la sede delle discussioni teologiche che portarono alla sconfessione delle tesi di Lutero e alla divisione delle Chiese. Ma oggi, la ricerca teologica e il dialogo ecumenico – ha detto il cardinale – hanno fatto compiere una «svolta nella comprensione della figura di Lutero» che è stata recepita e accolta da Giovanni Paolo II, Benedetto XVI e ora da papa Francesco. Per secoli «demonizzato», Lutero è oggi considerato «uomo religioso», un «testimone di Cristo che non voleva costruire una Chiesa riformata ma avviare una riforma, un rinnovamento evangelico dell’intera Chiesa. Oggi – incalza Kasper – parleremmo di una nuova evangelizzazione». Alla luce di questi progressi della comprensione storica, si è compreso come alcune condanne nacquero e si svilupparono come «malintesi». Il dialogo, che nel 2017compie 50 anni, è andato avanti e accordi come quello sulla dottrina della giustificazione rappresentano oggi una «pietra miliare».

Anche sul documento in elaborazione su «Chiesa, Eucarestia e Ministero» – ha aggiunto Kasper – «si può sperare di raggiungere un consenso, se non pieno, ampio». Insomma, «il concerto sinfonico va avanti e come una sinfonia va a tempi diversi». «Il finale sarà una polifonia» intesa «come comunione delle differenze riconciliate» sulla «base del comune fondamento della Parola di Dio». È un percorso che conoscerà il suo compimento solo in «Cielo». Ai cristiani – ha quindi concluso Kasper – la chiamata oggi a vivere una «comunione in divenire», «un ecumenismo sempre in via perché, come dice papa Francesco, l’ecumenismo si fa camminando insieme».

Fonte: Sir
Ecumenismo: card. Kasper, «abbiamo fatto passi importanti per imparare a suonare insieme»
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento