Vita Chiesa
stampa

Papa Francesco: «Portiamo nel cuore il sorriso di Madre Teresa e doniamolo a chi soffre»

Domenica 4 settembre, alle 10,41, Papa Francesco ha proclamato santa Madre Teresa di Calcutta, «generosa dispensatrice della misericordia divina, rendendosi a tutti disponibile attraverso l’accoglienza e la difesa della vita umana, quella non nata e quella abbandonata e scartata»

Madre Teresa santa

Sono le 10,41 quando Papa Francesco, domenica 4 settembre, eleva agli onori degli altari Madre Teresa di Calcutta, al secolo Gonxha Agnes Bojaxhiu, pronunciando la formula di canonizzazione con la quale ha iscritto nell’albo dei santi la piccola «matita di Dio» nata nel 1910 a Skopje da genitori albanesi e morta a Calcutta nel 1997, fondatrice della Congregazione delle Missionarie della Carità e dei Missionari della Carità. L’annuncio è stato accolto dall’applauso degli oltre centomila fedeli, che hanno gremito piazza San Pietro per l’occasione, sin dalle prime ore del mattino. Sulla facciata della basilica vaticana campeggia l’arazzo con l’immagine di Madre Teresa sorridente. La celebrazione è iniziata con la lunga processione dei concelebranti: 70 cardinali, 400 vescovi e oltre 1700 sacerdoti di varie nazioni. Presenti alla Messa anche diversi capi di Stato e di governo. Subito dopo la canonizzazione è stato portato in processione sull’altare il reliquiario a forma di croce, sormontato da una grande cuore nei colori del sari delle Missionarie della carità.

Accanto agli ultimi. «Madre Teresa, in tutta la sua esistenza, è stata generosa dispensatrice della misericordia divina, rendendosi a tutti disponibile attraverso l’accoglienza e la difesa della vita umana, quella non nata e quella abbandonata e scartata». Questo il segreto della santità della piccola suora di origini albanesi, come ha spiegato Papa Francesco nell’omelia. La fondatrice delle Missionarie della Carità, infatti, «si è impegnata in difesa della vita proclamando incessantemente che ‘chi non è ancora nato è il più debole, il più piccolo, il più misero’».

Non solo. «Si è chinata sulle persone sfinite, lasciate morire ai margini delle strade, riconoscendo la dignità che Dio aveva loro dato» e «ha fatto sentire la sua voce ai potenti della terra, perché riconoscessero le loro colpe dinanzi ai crimini – dinanzi ai crimini! – della povertà creata da loro stessi». Per la nuova santa «la misericordia è stata il ‘sale’ che dava sapore a ogni sua opera, e la ‘luce’ che rischiarava le tenebre di quanti non avevano più neppure lacrime per piangere la loro povertà e sofferenza».

Testimone eloquente. La «missione» di Madre Teresa di Calcutta «nelle periferie delle città e nelle periferie esistenziali permane ai nostri giorni come testimonianza eloquente della vicinanza di Dio ai più poveri tra i poveri», ha, quindi, evidenziato il Pontefice, consegnando «questa emblematica figura di donna e di consacrata a tutto il mondo del volontariato: lei sia il vostro modello di santità!». La canonizzazione della fondatrice delle Missionarie della carità, infatti, è stato il clou del Giubileo dedicato al mondo del volontariato e agli operatori di carità, che si è svolto a Roma dal 2 al 4 settembre. «Penso – ha aggiunto il Santo Padre – che, forse, avremo un po’ di difficoltà nel chiamarla Santa Teresa: la sua santità è tanto vicina a noi, tanto tenera e feconda che spontaneamente continueremo a dirle ‘Madre Teresa’».

Francesco ha anche espresso l’auspicio che «questa instancabile operatrice di misericordia ci aiuti a capire sempre più che l’unico nostro criterio di azione è l’amore gratuito, libero da ogni ideologia e da ogni vincolo e riversato verso tutti senza distinzione di lingua, cultura, razza o religione». Riprendendo una frase di Madre Teresa – «Forse non parlo la loro lingua, ma posso sorridere» -, il Papa ha concluso: «Portiamo nel cuore il suo sorriso e doniamolo a quanti incontriamo nel nostro cammino, specialmente a quanti soffrono. Apriremo così orizzonti di gioia e di speranza a tanta umanità sfiduciata e bisognosa di comprensione e di tenerezza».

Preghiere per i poveri e perseguitati. Durante la Messa si è pregato per i poveri e gli ultimi della terra, perché i cristiani sull’esempio di Madre Teresa siano mossi alla carità operosa. In bengali è stata pronunciata una preghiera per i governi e le assemblee legislative perché difendano la vita e la dignità di ogni persona e promuovano la pace e la giustizia e in cinese per i cristiani perseguitati. Alla processione offertoriale ha partecipato anche Marcílio Haddad Andrino, l’ingegnere brasiliano miracolato per intercessione di Madre Teresa di Calcutta.

Pizze per 1.500 persone. Come è stata la vita di Madre Teresa legata alla preghiera e anche all’azione verso i poveri, non è mancato ieri un gesto concreto. Dopo la Messa di canonizzazione, Papa Francesco ha offerto un pranzo, a base di pizza napoletana, a 1.500 persone, nell’atrio dell’Aula Paolo VI. Gli invitati erano poveri e bisognosi, soprattutto delle case (dormitori) delle Suore di Madre Teresa, provenienti da tutta Italia: da Milano, Bologna, Firenze, Napoli e da tutte le case di Roma.

Hanno viaggiato durante la notte con diversi pullman per partecipare prima alla canonizzazione e poi al pranzo. Il pranzo è stato servito da circa 250 Suore di Madre Teresa, 50 Fratelli della Congregazione maschile e da altri volontari. La pizza è stata preparata da una pizzeria napoletana con il proprio staff di quasi 20 persone e con la propria attrezzatura mobile (3 forni).

Fonte: Sir
Papa Francesco: «Portiamo nel cuore il sorriso di Madre Teresa e doniamolo a chi soffre»
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento