Vita Chiesa
stampa

Papa Francesco: giovani «volete farmi felice? Leggete la Bibbia»

La Bibbia non è «un capolavoro letterario». Quando la leggete, avete «tra le mani qualcosa di divino: un libro come fuoco, un libro nel quale Dio parla». Lo scrive Papa Francesco nella prefazione a una Bibbia per i giovani, i quali hanno collaborato a discutere e scriverne i commenti (Bibel. Jugendbibel der Katholischen Kirche), pubblicata sul numero in uscita de «La Civiltà Cattolica».

Percorsi: Bibbia - Papa Francesco
Papa Francesco: giovani «volete farmi felice? Leggete la Bibbia»

«Perciò ricordatevi – il monito del Santo Padre -: la Bibbia non è fatta per essere messa su uno scaffale, piuttosto è fatta per essere tenuta in mano, per essere letta spesso, ogni giorno, sia da  soli sia in compagnia. Del resto in compagnia fate sport, andate a  fare shopping; perché allora non leggere insieme, in due, in tre o in quattro, la Bibbia? Magari all’aperto, immersi nella natura, nel bosco, in riva al mare, la sera al lume di una candela… farete un’esperienza  potente e sconvolgente». «Leggete con attenzione – prosegue Francesco -. Non rimanete in superficie, come si fa  con un fumetto! La Parola di Dio non la si può semplicemente scorrere  con lo sguardo!». Di qui un suggerimento: «Domandatevi piuttosto: ‘Cosa dice questo al mio cuore? Attraverso queste parole, Dio mi sta parlando? Sta forse  suscitando il mio anelito, la mia sete profonda? Cosa devo fare?’. Solo così la Parola di Dio potrà dispiegare tutta la sua forza; solo così la nostra vita potrà trasformarsi, diventando piena e bella». Il Papa confida ai giovani di avere una vecchia Bibbia consumata: «Vivo di lei e per niente al mondo la darei via».

«Volete farmi felice? Leggete la Bibbia». Papa Francesco conclude così la prefazione in forma di lettera ai giovani a una Bibbia loro dedicata, alla quale hanno collaborato scrivendone i commenti. Nel testo,  il Papa confida come legge la sua vecchia Bibbia: «Spesso la prendo, la leggo per un po’, poi la metto in disparte e mi lascio guardare dal Signore. Non sono io a guardare Lui, ma Lui guarda me: Dio è davvero lì, presente. Così mi lascio osservare da Lui e sento – e non è certo sentimentalismo -, percepisco nel più profondo ciò che il Signore mi dice». «A volte – prosegue il Papa – non parla: e allora non sento niente, solo vuoto, vuoto, vuoto… Ma, paziente, rimango là e lo attendo così, leggendo e pregando. Prego seduto, perché mi fa male stare in ginocchio. Talvolta, pregando, persino mi addormento, ma non fa niente: sono come un figlio vicino a suo padre, e questo è ciò che conta». «Voglio dirvi una cosa: oggi, ancor più che agli inizi della Chiesa, i cristiani sono perseguitati; qual è la ragione? Sono perseguitati perché portano una croce e danno testimonianza di Cristo; vengono condannati perché possiedono una Bibbia». Evidentemente, sottolinea Francesco, «la Bibbia è un libro estremamente pericoloso, così rischioso che in certi Paesi chi possiede una Bibbia viene trattato come se nascondesse nell’armadio bombe a mano!». Di qui il riferimento a Mahatma Gandhi, che una volta disse: «A voi cristiani è affidato un testo che ha in sé una quantità di dinamite sufficiente per far esplodere in mille pezzi la civiltà tutta intera, per mettere sottosopra il mondo e portare la pace in un pianeta devastato dalla guerra».

Fonte: Sir
Papa Francesco: giovani «volete farmi felice? Leggete la Bibbia»
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento