Vita Chiesa
stampa

Papa Francesco: si confessa nella basilica di S. Pietro e confessa alcuni fedeli

Il Papa, in ginocchio davanti al confessionale, come un penitente qualsiasi. Come è già accaduto altre volte proprio in questa basilica, Francesco, intorno alle 17.30, si è inginocchiato per ricevere lui il perdono dei peccati, tramite l’assoluzione del confessore, prima di essere lui stesso a svolgere lo stesso ministero con altri fedeli penitenti.

Percorsi: Papa Francesco
Papa Francesco si confessa in San Pietro (Foto Sir)

È il momento culminante della celebrazione penitenziale che si sta svolgendo nella basilica vaticana, gremita di fedeli. Dopo la confessione, durata circa cinque minuti, il Papa diventa a sua volta confessore. Si tratta del secondo momento della liturgia, che nella prima parte ha visto la celebrazione comunitaria, con la confessione generale dei peccati, le intercessioni e la recita del Padre nostro. Poi il momento della confessione e dell’assoluzione individuale.

La celebrazione di oggi precede di una settimana l’iniziativa «24 Ore per il Signore» promossa in tutte le chiese del mondo dal Pontificio Consiglio per la promozione della nuova evangelizzazione, che quest’anno avrà per tema: «Misericordia io voglio» (Mt 9,13). Venerdì prossimo, 24 marzo, a Roma, dalle ore 20 fino a notte inoltrata le chiese di Santa Maria in Trastevere e delle Stimmate di S. Francesco resteranno aperte per l’adorazione eucaristica e le confessioni. Sabato 25 marzo, alle ore 17, presso la chiesa di Santo Spirito in Sassia, si concluderà con la celebrazione di ringraziamento, i primi Vespri, presieduti da monsignor Rino Fisichella, presidente del Pontificio Consiglio che promuove l’iniziativa.

Fonte: Sir
Papa Francesco: si confessa nella basilica di S. Pietro e confessa alcuni fedeli
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento