Vita Chiesa
stampa

Papa Francesco. Messa: «La mondanità spirituale ci allontana dalla coerenza di vita»

«La mondanità spirituale ci allontana dalla coerenza di vita, ci fa incoerenti», uno fa «finta di essere così» ma vive «in un’altra maniera». E la mondanità «è difficile conoscerla dall’inizio perché è come il tarlo che lentamente distrugge, degrada la stoffa e poi quella stoffa» diventa inutilizzabile «e quell’uomo che si lascia portare avanti dalla mondanità perde l’identità cristiana». Lo ha detto stamattina Papa Francesco, nell’omelia della Messa a Casa Santa Marta.

Percorsi: Papa Francesco
Papa Francesco a Santa Marta (Foto Sir)

«Il tarlo della mondanità – ha proseguito il Pontefice – ha rovinato la sua identità cristiana, è incapace di coerenza. ‘Oh, io sono tanto cattolico, padre, io vado a Messa tutte le domeniche, ma tanto cattolico’. E poi vai a lavorare, a fare il tuo mestiere: ‘Ma se tu mi compri questo, facciamo questa tangente e tu prendi la tangente’. Questa non è coerenza di vita, questa è mondanità, per dare un esempio». Di qui l’avvertimento: «La mondanità ti porta alla doppia vita, quella che appare e quella che è vera, e ti allontana da Dio e distrugge la tua identità cristiana». Per questo, ha evidenziato, Gesù è «tanto forte» quando chiede al Padre di salvare i discepoli dallo spirito mondano, «che distrugge l’identità cristiana». Un esempio di baluardo contro questo spirito è proprio Eleàzaro, che è protagonista della prima Lettura di oggi tratta dal Secondo Libro dei Maccabei, che pensa ai giovani i quali, se avesse ceduto allo spirito mondano, si sarebbero persi per colpa sua.

«Lo spirito cristiano, l’identità cristiana, mai è egoista, sempre cerca di curare con la propria coerenza, curare, evitare lo scandalo, curare gli altri, dare un buon esempio», ha sottolineato Papa Francesco, nell’omelia della Messa a Casa Santa Marta. A chi gli potrebbe obiettare: «Ma non è facile, padre, vivere in questo mondo, dove le tentazioni sono tante, e il trucco della doppia vita ci tenta tutti i giorni, non è facile», il Pontefice ha risposto: «Per noi non solo non è facile, è impossibile. Soltanto Lui è capace di farlo. E per questo abbiamo pregato nel Salmo: ‘Il Signore mi sostiene’. Il sostegno nostro contro la mondanità che distrugge la nostra identità cristiana, che ci porta alla doppia vita, è il Signore». Infatti, «è l’unico che può salvarci, ha detto ancora, e la nostra preghiera umile sarà: ‘Signore, sono peccatore, davvero, tutti lo siamo, ma ti chiedo il tuo sostegno, dammi il tuo sostegno, perché da una parte non faccia finta di essere cristiano e dall’altra viva come un pagano, come un mondano». Il Santo Padre ha, quindi, rivolto un invito: «Se voi avete oggi un po’ di tempo, prendete la Bibbia, il secondo libro dei Maccabei, capitolo sesto, e leggete questa storia di Eleàzaro. Vi farà bene, vi darà coraggio per essere esempio a tutti e anche vi darà forza e sostegno per portare avanti l’identità cristiana, senza compromessi, senza doppia vita».

Fonte: Sir
Papa Francesco. Messa: «La mondanità spirituale ci allontana dalla coerenza di vita»
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento