Vita Chiesa
stampa

Prato, serata solidale per il fondo diocesano «Insieme per la Famiglia»

Stiliste, sarte e per una sera anche modelle. Sono le otto donne, italiane e straniere, che hanno partecipato al corso di cucito e modellista promosso dal Laboratorio Caritas con il sostegno del Cesvot, e che martedì 16 aprile attraverso una sfilata di moda mostreranno le loro creazioni. L’occasione è la cena promossa dall’Associazione Insieme per la Famiglia, il progetto nato nel 2003 inoccasione del 350° anniversario della istituzione della nostra diocesi per volontà dell’allora vescovo Gastone Simoni.

«La crisi economica non accenna a finire, anzi si fa sempre più acuta e di conseguenza il numero delle famiglie che bussano alla nostra porta per un aiuto economico è sempre più numeroso mentre le nostre risorse stanno esaurendo - spiega Idalia Venco, presidente dell’Associazione - così abbiamo pensato di organizzare questo momento di festa».

La cena dunque, che si terrà a partire dalle 20 all’Hotel Datini, intende proprio raccogliere fondi da destinare a chi ha bisogno. Ispiratori della serata sono Sandra ManniniGiovanni Masi, il noto cenciaolo di Vergaio, che da anni promuove una serie di iniziative per rilanciare Prato e i pratesi. «L’idea non è di fare soltanto una festa solidale – sottolinea Masi – ma di creare una occasione per incontrarsi, per mettersi insieme con la volontà di fare qualcosa di buono per questa città. Non dobbiamo mai perdere la speranza, ce lo insegna anche Papa Francesco, dobbiamo prenderci cura di chi ha bisogno per uscire da un momento di difficoltà». Inoltre il cenciaolo, noto per avere una fornitissima collezione di abiti, spesso usati in produzioni cinematografiche, ha promesso che esporrà alcuni capi inediti.

Negli ultimi tre anni Insieme per la Famiglia ha aiutato 314 famiglie pratesi erogando quasi 160 mila europer il pagamento di bollette, affitti e rate di mutuo. Poi ci sono le borse lavoro con le quali, sempre nell’ultimo triennio, sono state aiutate 91 persone a inserirsi nel mondo lavorativo. «Dodici di queste - aggiunge Idalia - sono riuscite a ottenere un contratto di assunzione».

E anche le otto donne stiliste hanno partecipato al corso di modellista proprio per avere una nuova occasione per ripartire. Come Moubakir Khadija, donna marocchina che non sapeva neanche tenere in mano un ago e ora, dopo quattro mesi di lezione, ha imparato il mestiere di sarta. La sua insegnante, Luana Soldi, sarta in pensione con la voglia di mettere a frutto le proprie competenze, è soddisfatta: «Adesso queste donne hanno imparato a ricamare la stoffa, foderare cappotti, accorciare i pantaloni e cambiare una cerniera. Si sono rimesse in gioco con tanto impegno».

Tornando alla iniziativa di martedì 16, la serata sarà condotta da Franco Casaglieri e animata dalla musica di Leandro Innocenti. Ha dato la sua adesione anche il vescovo Franco Agostinelli che interverrà con un breve saluto iniziale. Il costo della partecipazione è di 20 euro. I biglietti si possono acquistare presso la Caritas in via del Seminario 36 e all’Antico Caffè in via Garibaldi.

Fonte: Comunicato stampa
Prato, serata solidale per il fondo diocesano «Insieme per la Famiglia»
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento