Vita Chiesa
stampa

Sinodo sulla famiglia, ci saranno anche i laici tra gli uditori

Ci saranno anche i fedeli laici, uomini e donne, sia in qualità di esperti che di persone impegnate a varo titolo nella pastorale, tra gli uditori del Sinodo sulla famiglia che si svolgerà in due tappe: l'assemblea generale straordinaria (5-19 ottobre 2014), che servirà a «raccogliere testimonianze e proposte dei vescovi», e l'assemblea generale ordinaria prevista per il 2015, al fine di «cercare linee operative per la pastorale della persona umana e della famiglia».

Ad annunciarlo oggi è stato monsignor Lorenzo Baldisseri, nuovo segretario generale del Sinodo dei vescovi, durante la conferenza stampa di presentazione del documento preparatorio. Soffermandosi sul «rinnovamento» del metodo del Sinodo, il segretario ha spiegato che l'intenzione del Papa, che ha presieduto la riunione del Consiglio del Sinodo svoltasi il 7 e l'8 ottobre scorso, è di «rendere l'istituzione sinodale un vero ed efficace strumento di comunione attraverso il quale si esprima e si realizzi la collegialità auspicata dal Concilio». Papa Francesco vuole anche «potenziare l'attività della segreteria generale del Sinodo dei vescovi perché essa possa adempire adeguatamente la sua missione di promuovere la collegialità episcopale, ‘cum Petro e sub Petro', nel governo della Chiesa universale», non solo come «cambiamenti strutturali» ma anche con «l'adeguamento funzionale».

«Non ci sono regole nuove: stiamo interpretando le regole che abbiamo in forma dinamica», ha detto monsignor Lorenzo Baldisseri, rispondendo alle numerose domande dei giornalisti sui cambiamenti in vista per il prossimo Sinodo sulla famiglia. Tra la prima e la seconda tappa del Sinodo, ha spiegato il segretario, «il discorso continua, non si ferma, perché il Papa ci invita ad essere in cammino». Nessun nuovo regolamento, dunque, «per il momento», ma ciò non toglie che «nel camminare siamo pronti a modificarlo». Il Sinodo dei vescovi, nelle intenzioni del Papa, deve essere «un organo propulsivo, con un cuore che batte: non soltanto esecutivo, ma permanente, forse un po' più ampliato, in modo che possa studiare anche altre questioni, non solo quelle stabilite in maniera specifica, per aiutare in maniera collegiale il Papa nel governo della Chiesa».

Tra queste, proprio la collegialità e l'esercizio del ministero petrino. Visto che «il tempo è breve», ha annunciato mons. Baldisseri, dalla sintesi delle risposte al questionario contenuto nel documento preparatorio verrà fuori, a maggio, l'Instrumentum Laboris, in modo che «i padri potranno ampliarlo o arricchirlo con loro contributi in tempo utile», prima del documento che concluderà la prima tappa del Sinodo.

Fonte: Sir
Sinodo sulla famiglia, ci saranno anche i laici tra gli uditori
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento