Cultura & Società
stampa

Dante. Ravennati hanno scelto logo e naming celebrazioni

Il numero 700 in più colori con il profilo del sommo poeta nell'ultimo zero e la scritta «Viva Dante Ravenna 1321-2021». I ravennati hanno scelto logo e naming per le celebrazioni in città del settecentenario della morte di Dante Alighieri. La platea del teatro Rasi, durante la chiamata pubblica, la sera del 29 aprile, ha scelto tra le tre proposte selezionate dalla giuria quella del Matilde studio di Cesena, con 176 voti su 291.

Percorsi: Cultura
Parole chiave: Dante Alighieri (18)
Il logo presentato a Ravenna per le celebrazioni del settimo centenario di Dante

Al secondo posto il progetto proposto da Social Design di Firenze e al terzo quello di Menabò group di Forlì. Più nel dettaglio, il logo è composto di tre elementi: Marchio, Logotipo e Payoff. Il marchio rappresenta il numero settecento, stilizzato utilizzando un motivo a tessere. La forma è completata dalla silhouette di Dante ripreso dall'iconico ritratto di Botticelli con alcune variazioni relative soprattutto alla corona d'alloro tesa a dare maggior risalto al profilo in monocromia. Come dettaglio ulteriore il marchio contiene, creata dalla sovrapposizione dei due cerchi, la forma dell'infinito, allo scopo di simboleggiare l'eternità divina espressa nel Paradiso e la memoria perpetua celebrata dai ravennati nel culto del poeta. Lo schema policromo riprende le tonalità utilizzate nei mosaici ravennati che, pare, abbiano ispirato lo stesso Dante nell'elaborazione di alcune immagini letterarie del Paradiso. Il logo rimanda anche a una celebrazione formata da tante voci, esperienze, sensibilità particolari che cooperano alla celebrazione. Con «Viva Dante» si è voluto sottolineare come il poeta, ancora oggi, rappresenti un «punto di riferimento vivo» per la città sia in termini di valori che di ispirazione artistica.

Si è giocato quindi con la contrapposizione tra la celebrazione della morte e la consapevolezza di un'esperienza che vive, eternamente. Il nome, pur essendo in italiano, utilizza parole utilizzate spesso anche in ambito internazionale rendendo, assieme al payoff, il logo perfettamente fruibile anche da un pubblico estero mantenendo un imprescindibile carattere italiano. Il payoff condensa, sempre tenendo conto della fruibilità linguistica, il posizionamento temporale e geografico delle celebrazioni, evidenziando inoltre il ruolo di Ravenna nella vicenda umana di Dante. La proposta vincitrice sarà premiata con un premio di 4.000 euro. Il secondo e il terzo classificato riceveranno rispettivamente un premio di 2.000 e 1.000 euro.

Fonte: Agenzia Dire
Dante. Ravennati hanno scelto logo e naming celebrazioni
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento