Cultura & Società
stampa

Formazione: Erasmus+ Virtual Exchange, piattaforma digitale per i giovani di 33 Paesi

(Bruxelles) Erasmus+ Virtual Exchange, è il progetto che prende il via oggi per arricchire il programma di scambi Erasmus+, offrire un nuovo contributo al dialogo interculturale e migliorare le competenze dei giovani con strumenti di apprendimento digitale.

Erasmus virtual (Foto Sir)

La piattaforma virtuale sarà accessibile ai 33 Paesi del programma e ai Paesi della regione meridionale del Mediterraneo (Algeria, Egitto, Israele, Giordania, Libano, Libia, Marocco, Palestina, Siria e Tunisia). Si stima che andrà a beneficio di circa 25mila giovani nei prossimi due anni. «Pur essendo un programma di grande successo, Erasmus+ non è sempre accessibile a tutti. Erasmus+ Virtual Exchange invece faciliterà più contatti tra le persone, raggiungerà giovani di contesti sociali diversi e promuoverà la comprensione interculturale», dichiara il commissario per l’istruzione Tibor Navracsics. Servirà a «costruire ponti e aiutare a sviluppare competenze quali il pensiero critico, l’alfabetizzazione mediatica, le lingue straniere e il lavoro di gruppo».

Accessibile a giovani studenti e lavoratori ma anche ad accademici, renderà possibile «discussioni, gruppi di lavoro transnazionale, corsi on line aperti». Per esempio i giovani potranno partecipare a discussioni su argomenti specifici, con un moderatore e materiale preparatorio distribuito ai partecipanti. Ci sono già circa 40 moderatori formati pronti a iniziare.

Fonte: Sir
Formazione: Erasmus+ Virtual Exchange, piattaforma digitale per i giovani di 33 Paesi
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento