Cultura & Società
stampa

LEONARDO: SCOPERTE LE CASE DEI DA VINCI A FIRENZE

Percorsi: Cultura

Scoperte a Firenze le case che nel corso del tempo furono abitate dalla famiglia di Leonardo da Vinci. Sono cinque residenze situate nell'attuale centro storico, tra i quartieri di Santa Maria Novella, Santa Croce e piazza della Signoria. L'annuncio è stato fatto a Firenze dal direttore del Museo Ideale di Vinci, Alessandro Vezzosi, e dalla storica della matematica Elisabetta Ulivi, la quale, studiando le scuole d'abaco del Rinascimento, si è imbattuta in una serie di documenti riconducibili all'attività notarile di ser Piero da Vinci, padre di Leonardo. Questi atti sono stati utili per conoscere i luoghi precisi delle abitazioni, rimaste finora ignote. "Le case del notaio ser Piero da Vinci - hanno spiegato gli studiosi - furono spesso sede di rogiti o lodi arbitrali la cui effettuazione veniva attestata per iscritto. E' così che sono emersi i riferimenti ai domicili esatti". Da parte degli stessi studiosi è stato precisato che per tre case, abitate in tempi successivi, si tratta di una scoperta assolutamente inedita (sono quelle individuate in borgo dei Greci - la prima abitata a Firenze dai Da Vinci -, nei pressi del Palagio di Parte Guelfa, in San Pier Scheraggio), mentre per le altre due - via dei Gondi e via Ghibellina - la nuova conferma documentale dà concretezza alle ipotesi tracciate in passato. L'individuazione delle residenze leonardesche è considerata importante nella ricostruzione della biografia di Leonardo da Vinci perché permette di fare luce sul primo periodo fiorentino - problematica di grande interesse per gli studiosi d'arte - e di appurare esattamente la cronologia della sua opera.(ANSA).

LEONARDO: SCOPERTE LE CASE DEI DA VINCI A FIRENZE
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento