Dossier
stampa

Dal n. 29 del 28 giugno 2002

La costa, prezioso scrigno da scoprire

La costa mostra un itinerario ricco di sorprese; la stessa Livorno ci rivela una insospettata collezione archeologica ospitata nel Museo Civico «Giovanni Fattori» che raccoglie materiali preistorici e protostorici provenienti dal territorio livornese. Reperti etruschi provengono da Quercianella e da Roselle che ha restituito anche interessante materiale romano. Si consiglia una visita anche alla interessante raccolta numismatica.

La costa mostra un itinerario ricco di sorprese; la stessa Livorno ci rivela una insospettata collezione archeologica ospitata nel Museo Civico «Giovanni Fattori» che raccoglie materiali preistorici e protostorici provenienti dal territorio livornese. Reperti etruschi provengono da Quercianella e da Roselle che ha restituito anche interessante materiale romano. Si consiglia una visita anche alla interessante raccolta numismatica.

Rosignano Marittimo, nel Museo civico archeologico, allestito nello storico Palazzo Bombardieri, ci apre le porte con i corredi delle tombe ellenistiche della necropoli etrusca di Castiglioncello, da cui proviene una bellissima urna volterrana in alabastro, mentre da «Vada Volterrana» oggi S. Gaetano a Vada (antico approdo di Volterra ) provengono reperti recuperati dal quartiere portuale e numerose anfore a testimonianza dell'importanza che rivestiva questo scalo marittimo il cui sito archeologico con i resti dei magazzini e di altri edifici commerciali, oltre a strutture termali, è oggi accessibile.

Nei pressi di Cecina, a San Vincenzino, sono visitabili i resti di una grande villa romana dotata di bagni termali e di una zona distaccata adibita alla produzione dell'olio. La cronologia di questo esteso complesso va dal I secolo a.C. al V d.C.

L'Elba ci accoglie con gli importantissimi minerali ferrosi e con l'orgoglio di aver avviato per prima sull'isola l'attività estrattiva e fusoria delle rocce metallifere, per poi trasferire successivamente soprattutto le attività fusorie sul continente.

Portoferraio presenta nei Magazzini del Sale della Fortezza Medicea attraverso i materiali del Museo Archeologico, la vita, le ville romane, le necropoli e gli scambi in epoca etrusca e romana anche attraverso ancore, attrezzature navali e anfore da carico provenienti dai relitti marini.
Adiacente è la Villa romana della Linguella, il cui impianto originario risale al I sec. a.C. e le sue varie fasi coprono un arco di tempo che si conclude nel V sec. d.C..
Resta infine da visitare l'interessante complesso della Villa romana delle Grotte, per dirigerci al Museo archeologico del Distretto minerario di Rio nell'Elba comprendente cinque sezioni: preistoria, protostoria, etruschi, romani e medievale. Prima di lasciare l'isola, Marciana con il suo Museo archeologico ci aspetta con le testimonianze preistoriche degli insediamenti protostorici d'altura, i corredi delle necropoli etrusche e i materiali delle fortificazioni d'altura di Monte Castello di Procchio. Non vanno tralasciati nella visita i manufatti rinvenuti nei fondali tra cui importanti sono quelli della nave romana affondata nell'insenatura di Procchio.

Importante approdo protostorico ed etrusco, l' Isola del Giglio conserva la monumentale villa marittima disposta a vari livelli sulla scogliera proprietà dei Domizi Enobarbi di cui Nerone fu ultimo testimone: la parte meglio conservata è la Peschiera con le vasche per l'allevamento del pesci.

Sempre riferibile alla stessa famiglia è nell'isola di Giannutri, la lussuosa Villa Domizia con i quartieri portuali e la residenza imperiale che conserva gli ambienti di rappresentanza, lo stupendo peristilio e le camere da letto (cubilia).

Sulla costa orientale dell'isola di Pianosa possiamo vedere le rovine del cosiddetto Bagno di Agrippa, imponente villa romana in cui nell'anno 14 d.C. il nipote di Augusto venne ucciso su ordine dell'imperatore Tiberio appena salito al trono. Monumentali sono la grande vasca rettangolare, alcuni ambienti particolarmente conservati, la piscina e soprattutto il teatro che può contenere circa 200 persone.

• A spasso sulle orme degli antenati
• Pisa e Volterra, giacimenti di «ricordi»
• Tra le Apuane e la Lunigiana alla «ricerca» delle Statue-Stele
• Lucchesia e Garfagnana dall'anfiteatro alle terme
• I Parchi della Val di Cornia
• Da Populonia a San Silvestro sulle vie del ferro e dei minerali
• Maremma, il fascino della Terra del tufo
• Prato e le nuove scoperte dell'area di Gonfienti
• Pistoia, origini e storia urbana
• Mugello e Val di Sieve: Poggio a Frascole val bene una visita
• Siena e dintorni: crete, valli e città in un ambiente da sogno
• Arezzo e i «meloni» in quel di Cortona

La costa, prezioso scrigno da scoprire
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento