Firenze

L'Osservatore Toscano - Settimanale della Diocesi di Firenze
Redazione: Via della Colonna, 29 - 50121 Firenze
Tel.055/277661 Fax. 055/2776624 - firenze@toscanaoggi.it

Vuoi leggere la rivista online? Visita la nostra Area abbonati (accessibile ai soli abbonati)

La 'Casa della Carità', nata a Firenze nel popoloso quartiere di Novoli per dare una riposta concreta all'esigenza di servizi e housing sociale per persone svantaggiate, è stata completata ed entra in piena attività. Nel condominio solidale convivono, sono in relazione, e trovano sostegno le categorie più fragili: persone con difficoltà economiche, anziani, bambini e migranti, ben inseriti nel contesto sociale cittadino.

A Firenze, stasera, la prima «cena interreligiosa», organizzata dal comune di Firenze insieme alle comunità religiose e alle tradizioni spirituali presenti sul territorio fiorentino dalle 19 in poi, presso il Teatro Del Sale, per accogliere i più bisognosi. Sulla scia dell'entusiasmo suscitato da «Firenze comunità in cammino», la prima camminata con le comunità religiose a cui hanno partecipato oltre 2mila persone, è nata l'idea della prima «cena interreligiosa». 

La realizzazione di una struttura sanitaria per i bambini è il progetto proposto quest’anno dalla Caritas per la Quaresima di Carità. Casa Marta sarà un hospice pediatrico concepito a misura di bambino, che potrà ospitare fino a sei piccoli pazienti e due nuclei familiari.

Si è spenta all'età di 92 anni Suor Maria Francis, la suora australiana che 40 anni fa partì da Melbourne per fondare a Tavarnelle Val di Pesa il Monastero delle Carmelitane Scalze, nel borgo del Morrocco, sul crinale del Comune di Barberino Tavarnelle. «Una donna piena di vita, allegra, socievole e dinamica con una visione aperta e inclusiva nelle relazioni con le persone e l'ambiente circostante». Così la ricordano le tre suore che per anni hanno affiancato Suor Maria, accompagnandola sin dal suo insediamento nel complesso religioso del Morrocco, avvenuto nel 1982.

«Una vita di puro Vangelo: perdere la propria vita per dare vita ad altri, come Gesù». Così, in una dichiarazione riportata da Avvenire, il cardinale Giuseppe Betori commenta la vicenda di Caterina Morelli, la giovane mamma morta di tumore dopo che nel 2012, dopo aver scoperto la malattia mentre era incinta, decise di portare avanti la gravidanza anche a rischio della propria vita.

Nel 2012, in attesa del suo secondo figlio, aveva scoperto di essere affetta da un tumore: Caterina Morelli decise di portare avanti la gravidanza nonostante i rischi per la sua salute. Da allora ha continuato a vivere con passione e intensità, e la sua casa è diventata un luogo di preghiera e di amicizia. Quest’estate aveva detto: «La santità per me è diventato un problema quotidiano, non per essere più pia e perfetta agli occhi del mondo ma per essere felice...». I funerali, alla Santissima Annunziata, sono stati un momento di grande partecipazione.

La visita del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha inaugurato stamani le celebrazioni per i seicento anni dell'Istituto degli Innocenti. Dopo una breve visita allarchivio storico che racconta la storia dell'istituto, Mattarella ha ascoltato l'inno di Mameli cantato dal coro dei bambini: "Bravissimi", ha sussurrato al cardinale Giuseppe Betori, seduto accanto a lui.

Oltre duemila persone hanno partecipato ieri, a Firenze, alla prima camminata interreligiosa che ha toccato vari luoghi di culto della città. Un fiume di persone (presenti anche tanti giovani e famiglie con bambini) che ha attraversato le strade cittadine, partendo dal piazzale di San Miniato e raggiungendo Piazza Signoria dopo aver toccato la chiesa luterana, basilica di Santa Croce, la sinagoga, la moschea di piazza dei Ciompi, la Badia Fiorentina. Durante il percorso, ad ogni sosta, interventi e testimonianze delle varie comunità e tradizioni religiose.

«Papa Francesco ci dice che ci può essere una buona politica: in un momento in cui si guarda alla politica come una cosa brutta, è una affermazione in controtendenza». Lo ha detto il cardinale Giuseppe Betori consegnando oggi in Palazzo Vecchio il Messaggio di Papa Francesco per la Giornata mondiale per la Pace al sindaco Dario Nardella, alla Giunta e al Consiglio comunale e ai presidenti dei Quartieri.

Si svolgerà il 3 febbraio l’evento “Firenze comunità in cammino”, una camminata con le tradizioni spirituali e le comunità religiose presenti sul territorio fiorentino. L’iniziativa nasce da un’idea dell’assessorato ai rapporti con le confessioni religiose e politiche interculturali del Comune di Firenze, con la partecipazione e collaborazione di 22 tra gli enti religiosi fiorentini.