Firenze

L'Osservatore Toscano - Settimanale della Diocesi di Firenze
Redazione: Via della Colonna, 29 - 50121 Firenze
Tel.055/277661 Fax. 055/2776624 - firenze@toscanaoggi.it

Vuoi leggere la rivista online? Visita la nostra Area abbonati (accessibile ai soli abbonati)

«Una vita di puro Vangelo: perdere la propria vita per dare vita ad altri, come Gesù». Così, in una dichiarazione riportata da Avvenire, il cardinale Giuseppe Betori commenta la vicenda di Caterina Morelli, la giovane mamma morta di tumore dopo che nel 2012, dopo aver scoperto la malattia mentre era incinta, decise di portare avanti la gravidanza anche a rischio della propria vita.

Nel 2012, in attesa del suo secondo figlio, aveva scoperto di essere affetta da un tumore: Caterina Morelli decise di portare avanti la gravidanza nonostante i rischi per la sua salute. Da allora ha continuato a vivere con passione e intensità, e la sua casa è diventata un luogo di preghiera e di amicizia. Quest’estate aveva detto: «La santità per me è diventato un problema quotidiano, non per essere più pia e perfetta agli occhi del mondo ma per essere felice...». I funerali, alla Santissima Annunziata, sono stati un momento di grande partecipazione.

La visita del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha inaugurato stamani le celebrazioni per i seicento anni dell'Istituto degli Innocenti. Dopo una breve visita allarchivio storico che racconta la storia dell'istituto, Mattarella ha ascoltato l'inno di Mameli cantato dal coro dei bambini: "Bravissimi", ha sussurrato al cardinale Giuseppe Betori, seduto accanto a lui.

Oltre duemila persone hanno partecipato ieri, a Firenze, alla prima camminata interreligiosa che ha toccato vari luoghi di culto della città. Un fiume di persone (presenti anche tanti giovani e famiglie con bambini) che ha attraversato le strade cittadine, partendo dal piazzale di San Miniato e raggiungendo Piazza Signoria dopo aver toccato la chiesa luterana, basilica di Santa Croce, la sinagoga, la moschea di piazza dei Ciompi, la Badia Fiorentina. Durante il percorso, ad ogni sosta, interventi e testimonianze delle varie comunità e tradizioni religiose.

«Papa Francesco ci dice che ci può essere una buona politica: in un momento in cui si guarda alla politica come una cosa brutta, è una affermazione in controtendenza». Lo ha detto il cardinale Giuseppe Betori consegnando oggi in Palazzo Vecchio il Messaggio di Papa Francesco per la Giornata mondiale per la Pace al sindaco Dario Nardella, alla Giunta e al Consiglio comunale e ai presidenti dei Quartieri.

Si svolgerà il 3 febbraio l’evento “Firenze comunità in cammino”, una camminata con le tradizioni spirituali e le comunità religiose presenti sul territorio fiorentino. L’iniziativa nasce da un’idea dell’assessorato ai rapporti con le confessioni religiose e politiche interculturali del Comune di Firenze, con la partecipazione e collaborazione di 22 tra gli enti religiosi fiorentini.

Preservativi gratuiti e materiale informativo sulle malattie sessualmente trasmissibili vengono distribuiti, dall’11 gennaio, ogni venerdì sera, alla discoteca El pavo real all’Antella, nel comune di Bagno a Ripoli (Firenze) nell'ambito di un progetto di educazione sessuale e di prevenzione. Il commento del presidente del Centri di Aiuto alla Vita di Firenze Angelo Passaleva

Firenze ha accolto una nuova opera d’arte: è «homeless Jesus», scultura bronzea dell’artista canadese Timothy Schmalz. La statua raffigura un senza tetto sdraiato su una panca: chi si siede accanto a lui scopre, dai segni delle stimmate, la sua vera identità. Una «traduzione visiva» del Vangelo di Matteo: «tutto quello che avete fatto a uno solo di questi miei fratelli più piccoli, l’avete fatto a me».

Non un presepe ma una natività, come ha sottolineato sul bollettino parrocchiale il parroco don Alessandro Berlincioni. Una scena che più essenziale non si può: Maria, Giuseppe, il Bambino e nemmeno il bue e l’asino a riscaldarlo. Ma anche una scena che più realistica non si può, ambientata in una stalla toscana riprodotta nei minimi particolari. Tanto che chi nei giorni di Natale fosse entrato per la prima volta nella chiesa dei Santi Gervasio e Protasio avrebbe probabilmente pensato a un allestimento permanente, con vere pietre e veri mattoni: e invece no, di «vero» ci sono le parti in legno; per il resto tutto polistirolo tagliato, sagomato, coperto di gesso e dipinto.

Con il nuovo anno si alza il sipario sulla quarta edizione di In scena la fede, il concorso di teatro amatoriale proposto dal Centro Diocesano di Pastorale Giovanile. Ad iniziare la serie degli spettacoli, sabato 19 gennaio ore 21 al teatro Florida (Info 3316019330), i giovani di San Martino a Brozzi con il musical «Fra cielo e terra» sulla figura di Sant’Antonio da Padova.

«Nell’ascolto del grido dei poveri, che corrisponde allo sguardo rivolto alla luce di una stella, ci è dato infatti di riscoprire il cuore dell’esistenza umana, ciò che è essenziale per ciascuno e quindi ciò che è fondamento per tutti». Sono le parole del cardinale Giuseppe Betori nella Messa per la festa dell'Epifania, celebrata questa mattina nella Cattedrale di Firenze.

Per celebrare il giorno dell’Epifania, domenica 6 gennaio 2019, l’Opera di Santa Maria del Fiore organizza a Firenze la Cavalcata dei Magi. La manifestazione, giunta alla XXIII edizione dell’epoca moderna, si rifà a un’antica tradizione fiorentina del XV secolo, quando a Firenze una compagnia di laici intitolata ai Santi Re Magi, di cui fecero parte i maggiori componenti della famiglia dei Medici, organizzava un fastoso corteo, la “Festa de’ Magi”.

Le parole di Papa Francesco sulla «buona politica» suonano come parole «controcorrente in tempi in cui l’impegno politico è così spesso demonizzato, considerato una cosa sporca, svilito dall’egemonia dei fattori economici. Papa Francesco chiede invece di considerare la politica come una strada importante per la costruzione della pace nel mondo». È la riflessione del cardinale Giuseppe Betori nella Messa del 1 gennaio, festa di Maria Madre di Dio e Giornata mondiale per la Pace.