Italia
stampa

CEI, PROLUSIONE CARD. BAGNASCO: IMMIGRATI EMERGENZA COMUNITARIA, EUROPA DEVE RISPONDERE

Parole chiave: dat (18), libia (322), angelo bagnasco (206), immigrati (728), africa (788), cei (408), rom (99)

“Nell'ora più grave, i giapponesi hanno dato al mondo una lezione formidabile di compostezza, determinazione e solidità. È quella che, con espressione efficace, è stata definita ‘la disciplina del dolore'”: così il card. Angelo Bagnasco, presidente della Cei, ha ricordato nella parte introduttiva della sua prolusione ai lavori del Consiglio episcopale permanente aperto questa sera a Roma, la testimonianza del popolo giapponese colpito da una grave catastrofe ambientale (testo integrale della prolusione). Di fronte a questo evento eccezionale, ha sottolineato, “dovremmo riscoprire tutti il senso della nostra costitutiva finitezza, della intrinseca fragilità delle cose, e quindi sentirci più umili, più vicini, più solidali”. Vari i temi affrontati dal cardinale nella prolusione: dopo aver richiamato il “tempo quaresimale” e l'esigenza di conversione personale, si è occupato delle celebrazioni del 150° dell'unità d'Italia, definita “terra benedetta”. Ha poi messo in guardia dai rischi dell'individualismo ed egoismo sociale; ha quindi richiamato gli eventi dei Paesi del nord Africa, gli scenari “cruenti” dell'intervento militare in Libia; “l'emergenza comunitaria” degli arrivi di profughi e fuggiaschi sui barconi, gli attentati e persecuzioni verso i cristiani in varie nazioni, la povertà in Italia, le differenze nord-sud, la legislazione sul fine-vita e sulla famiglia.
Dopo aver notato come sia “strana l'idea che la conversione sia un atteggiamento di debolezza, per psicologie tristi”, mentre in realtà rappresenti “il passaggio dall'opacità, dal grigiore, dall'ombra alla luce”, il cardinale ha voluto tornare sulle recenti celebrazioni del 150° dell'Unità d'Italia, ricordando “la vocazione singolare che il Signore Iddio, nella sua provvidenza, ha inteso assegnare a questa terra benedetta” e il contributo offerto alla sua costruzione come paese unito dalle “innumerevoli storie di dedizione laicale e sacerdotale”. A questo riguardo ha poi ammonito gli italiani dai rischi di soccombere alla “sindrome degli ‘arrivati'”, secondo cui “una volta che è stata raggiunta una certa soglia di benessere e sicurezza, debba venir meno la buona tensione che ci fa essere vigili per non perdere proprio i valori che concorrono oggi a darci un volto, e in passato hanno fatto la nostra storia”. Circa la grave situazione in diversi paesi dell'Africa del nord e del bacino del Mediterraneo, ha poi notato che “per registrare esiti tanto vasti e partecipati, deve aver a lungo covato qualche febbre non irrilevante, senza che sollevasse tuttavia particolari allarmi. Eppure, viene detto oggi, qualche crepitio si sarebbe potuto cogliere se si fosse tenuto lo sguardo rivolto sulla vitalità dei popoli più che sull'immobilità dei regimi”.
La visione del card. Bagnasco sull'uscita dalla crisi africana è stata espressa con l'auspicio di un “immediato superamento della fase cruenta” anche per garantire “l'accesso agli indispensabili soccorsi umanitari, in un quadro di giustizia”. Ha quindi richiamato il fatto che “l'emergenza è ‘comunitaria', e va affrontata nell'ottica di destinare risorse per uno sforzo di sviluppo straordinario”. Sull'accoglienza degli sfollati, ha fatto appello “all'apporto generoso delle singole Regioni”, oltre che “alla convergenza dell'Europa comunitaria”. Su Lampedusa e le migliaia di arrivi, ha detto che “l'attività lavorativa della piccola comunità rischia di finire seriamente compromessa, tra le crescenti preoccupazioni delle famiglie”. Il cardinale ha poi descritto le gravi minacce e gli attentanti alla libertà religiosa, specie verso i cristiani, in diversi paesi, richiamando in particolare il ministro pakistano Bhatti, “ora martire” lo ha definito. Circa la sentenza della Corte Europea dei Diritti dell'uomo sul crocifisso, ha sottolineato che “il simbolo religioso non comporta in sé una lesione dei diritti”, anzi è “un elemento integrante l'identità italiana e dunque a questo punto anche europea”.
I casi del disagio presenti in Italia, dell'emarginazione in particolare dei Rom, con la morte dei quattro bambini alla periferia di Roma, sono stati richiamati dal card. Bagnasco per ricordare l'esigenza di “piani graduali di accompagnamento” e di integrazione. A questo riguardo, come pure nei confronti della vita sociale e politica, il cardinale ha quindi parlato della necessità di “un quadro di valori sostanziali” considerato che “il bene non coincide con i desideri personali, ma possiede una propria austera oggettività”. Ha quindi proseguito riflettendo sul ruolo educativo della scuola, pubblica e paritaria, richiamando l'esigenza di una “alleanza educativa tra quanti, affiancando i genitori, si spendono per la crescita intellettuale, morale e umana della nuove generazioni”. Largo spazio il card. Bagnasco ha voluto poi dedicare al dibattito politico in corso, richiamando alcune evidenze nazionali: “disoccupazione specialmente giovanile e femminile”, “differenziale tra Nord e Sud d'Italia”, produttività, imposizione ed evasione fiscale, corruzione e amministrazione della giustizia, insicurezza del territorio e fabbisogno energetico. In merito ha detto che “più che di scomuniche reciproche, la collettività ha bisogno di una seria dialettica, che esalti i ruoli a ciascuno affidati dal cittadino-elettore”.
Infine il cardinale ha parlato dei temi etici e familiari, citando le dichiarazioni anticipate di trattamento (Dat) in discussione alle camere. A questo riguardo ha detto che “si tratta infatti di porre limiti e vincoli precisi a quella ‘giurisprudenza creativa' che sta già introducendo autorizzazioni per comportamenti e scelte che, riguardando la vita e la morte, non possono restare affidate all'arbitrarietà di alcuno. Non si tratta di mettere in campo provvedimenti intrusivi che oggi ancora non ci sono – ha sottolineato - ma di regolare piuttosto intrusioni già sperimentate, per le quali è stato possibile interrompere il sostegno vitale del cibo e dell'acqua. Chi non comprende che il rischio di avallare anche un solo caso di abuso, poiché la vita è un bene non ripristinabile, non può non indurre tutti a molta, molta cautela?”. Il cardinale ha così auspicato “regole che siano di garanzia per persone fatalmente indifese, e la cui presa in carico potrebbe un domani – nel contesto di una società materialista e individualista − risultare scomoda sotto il profilo delle risorse richieste”. Circa la famiglia, ha quindi auspicato che “fatto salvo il rispetto per la libertà personale, nessuno nell'ambito pubblico provveda a decisioni che mettano in ombra l'istituto familiare, architrave portante di ogni realistico futuro”. (Sir)

CEI, PROLUSIONE CARD. BAGNASCO: IMMIGRATI EMERGENZA COMUNITARIA, EUROPA DEVE RISPONDERE
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento