Italia
stampa

LUCIO MAGRI: SCIENZA E VITA, LA SUA EUTANASIA È UNA SCONFITTA PER LA SOCIETÀ

Parole chiave: eutanasia (131), scienza & vita (60)

“Il suicidio assistito di Lucio Magri turba profondamente e vanno evitate strumentalizzazioni che nulla hanno a che fare con una morte che ci invita a una riflessione non demagogica”. Questo il commento di Lucio Romano, copresidente nazionale dell'Associazione Scienza & Vita, alla notizia della morte a 79 anni, in una clinica svizzera tramite eutanasia, del giornalista e politico italiano. “Ogni volta che un uomo si toglie la vita - prosegue Romano - è una sconfitta e una ferita per l'intera società che non ha saputo raccogliere il grido di sofferenza, di dolore, di solitudine che era stato lanciato, e che non è riuscita a prendersi cura di una persona nella massima fragilità”. Inoltre, per il copresidente di Scienza & Vita, “elogiare questo gesto estremo veicola un messaggio pericoloso e destabilizzante che vede l'eutanasia come unica soluzione alla depressione o ad altro. Giustificare e legalizzare l'eutanasia introdurrebbe nella società una cultura devastante, per cui la soluzione definitiva a problemi estremi sarebbe riposta nella morte volontaria assistita”. “E' davvero questo – conclude Romano – il messaggio che si vuole lanciare a chi si trova in difficoltà? O piuttosto incentivare al suicidio non è che una forma distorta di compassione, una deresponsabilizzazione collettiva spacciata per filantropia?”. (Sir)

LUCIO MAGRI: SCIENZA E VITA, LA SUA EUTANASIA È UNA SCONFITTA PER LA SOCIETÀ
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento