Italia
stampa

Migranti: Federazione delle chiese evangeliche, nuovo progetto per il soccorso nel Mediterraneo

«Il Consiglio della Federazione delle Chiese evangeliche in Italia (Fcei) ha deciso oggi di aprire una nuova area di azione nell’ambito di ‘Mediterranean Hope (MH) – Programma rifugiati e migranti della Fcei’, sostenendo associazioni impegnate in questo intervento umanitario e partecipando a missioni di ricerca e salvataggio nel Mediterraneo».

Corridoi umanitari, arrivo a Fiumicino (Foto Sir)

Lo annuncia con una nota la Fcei in riferimento al nuovo progetto annunciato. «Nel prendere questa decisione – spiega il presidente della Fcei, pastore Luca Maria Negro – la Federazione delle Chiese evangeliche in Italia ribadisce che il soccorso in acque internazionali a profughi che scappano in condizioni disperate da persecuzioni, violenze e torture non è un reato ma, al contrario, un dovere morale che, per noi cristiani, ha anche profonde motivazioni bibliche e teologiche». La decisione fa seguito alla «positiva esperienza» realizzata da operatori di MH con la ong Proactiva che, con la sua nave «Open Arms», all’inizio di marzo «ha consentito il salvataggio di oltre 200 persone». E a proposito del sequestro della nave da parte della magistratura, il presidente della Fcei esprime «solidarietà a chi ha il coraggio di impegnarsi nelle attività di ricerca e soccorso in mare nel nome del diritto alla vita e della protezione dei profughi in condizioni di grave vulnerabilità». Il pastore Negro dichiara «la sua fiducia nel fatto che Proactiva potrà dimostrare di avere operato esclusivamente per finalità umanitarie e nel perimetro delle norme del diritto internazionale del mare».

Fonte: Sir
Migranti: Federazione delle chiese evangeliche, nuovo progetto per il soccorso nel Mediterraneo
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento