Italia
stampa

UGO DE SIERVO NUOVO GIUDICE DELLA CORTE COSTITUZIONALE

Il fiorentino Ugo De Siervo è stato eletto giudice della Corte Costituzionale assieme a Romano Vaccarella. I due nomi sono stati concordati tra maggioranza e opposizione dopo che per mesi l'elezione dei due giudici si era incagliata nel non gradimento da parte dell'Ulivo del candidato del Polo Filippo Mancuso. Quest'ultimo, dopo la decisione della maggioranza di non votarlo più, si è dimesso polemicamente da Forza Italia.

Ugo De Siervo, collaboratore di TOSCANAoggi fin dalla nascita del settimanale, e' nato nel 1942, si e' laureato con il massimo dei voti e lode nel 1965 in diritto costituzionale presso la facolta' di giurisprudenza di Firenze. Dal 1969 assistente ordinario di diritto costituzionale a Firenze (titolare era il prof. Paolo Barile) e dal 1972 professore incaricato nelle Facoltà di giurisprudenza di Sassari e poi di Firenze.

Vincitore nel 1976 del concorso a cattedra di diritto pubblico, ha insegnato nelle Università di Salerno e di Firenze, diritto pubblico, diritto regionale, diritto costituzionale. Attualmente è professore di diritto costituzionale presso la Facoltà di giurisprudenza di Firenze.

Autore di molti scritti (oltre duecento) di storia costituzionale, sistema delle fonti, libertà e diritti costituzionali, sistema regionale e locale, processo di costituzionalizzazione dell'Europa, è stato componente dal 1970 al 1974 del Comitato regionale di controllo della Regione Toscana, dal 1986 al 1993 del Consiglio superiore della pubblica amministrazione, dal 1997 al 2001 del Garante per la protezione dei dati personali. Dal 1988 è stato inserito nell'elenco entro cui eventualmente sorteggiare i giudici aggregati della Corte costituzionale nei casi di giudizi penali.

UGO DE SIERVO NUOVO GIUDICE DELLA CORTE COSTITUZIONALE
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento