Lettere
stampa

Pedofilia nella Chiesa, quante critiche ipocrite

Parole chiave: pedofilia (57)

Nel dibattito sui casi di preti pedofili qualcuno suggerisce alla Chiesa  maggior rigore nel valutare i requisiti spirituali, morali, psichici, etc. prima di procedere all'ordinazione sacerdotale di un candidato. Forse abbiamo dimenticato che all'indomani della sua elezione Benedetto XVI emanò un documento dove venivano specificate delle nuove istruzioni per l'ingresso nei seminari tra le quali si raccomandava di tenere in particolare considerazione anche l'orientamento sessuale. Guarda caso coloro che oggi si stracciano le vesti per i casi di pedofilia all'interno della Chiesa sono gli stessi che criticarono ferocemente il Papa per quel documento che secondo loro discriminava le persone.

Un po' di coerenza per favore!

Ciro Rossi
indirizzo email

In effetti ricordo anch'io le critiche di «omofobia» e di «discriminazione sessuale» che Benedetto XVI si attirò nel novembre 2005, firmando il documento della Congregazione per l'educazione cattolica «Istruzione circa i criteri di discernimento vocazionale riguardo alle persone con tendenze omosessuali in vista della loro ammissioni ai seminari» (testo integrale ). Ovviamente è bene ripetere che pedofilia e omosessualità sono due cose ben diverse, da non confondere. E giustamente quel documento ribadiva che «il candidato al ministero sacerdotale deve raggiungere la maturità affettiva che lo rende capace di porsi in una corretta relazione con uomini e donne». Se in tutti i seminari e noviziati si fosse sempre valutata questa «maturità affettiva», come certamente si sta cercando di fare oggi, tanti casi di pedofilia sarebbero stati evitati. Almeno all'interno della Chiesa.

Claudio Turrini
La Chiesa e la pedofilia

Pedofilia nella Chiesa, quante critiche ipocrite
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento