Mondo
stampa

Brexit: il parlamento britannico rimanda il voto. Ma Johnson tuona, «non chiederò rinvio all’Ue»

Rinviato il voto sulla Brexit. Il parlamento britannico ha approvato l’emendamento del parlamentare conservatore moderato Oliver Letwin che obbliga l’assise a discutere e votare le leggi attuative dell’accordo raggiunto prima del voto finale.

Parole chiave: Brexit (92)
Boris Johnson (Foto Sir)

Sono stati 322 i parlamentari a esprimersi a favore dell’emendamento, mentre 306 sono stati i contrari. Slitta così il giorno dell’ufficialitá dell’uscita dall’Ue del Regno Unito, dopo l’accordo con l’Unione europea annunciato nella mattinata di giovedì 17 ottobre. Il premier britannico Boris Johnson è ora costretto a chiedere un nuovo rinvio a Bruxelles rispetto alla data fissata del 31 ottobre. Ma insiste: «Non negozierò un rinvio con l’Ue e la legge non mi obbliga a farlo». La portavoce del presidente della Commissione europea Jean-Claude Juncker informa che «la Commissione prende nota del voto britannico nella Camera dei Comuni». «Starà al governo del Regno Unito informarci dei prossimi passi il prima possibile».

 

Fonte: Sir
Brexit: il parlamento britannico rimanda il voto
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento