Opinioni & Commenti
stampa

Non è in gioco la libertà di cura, ma la nostra vita alla fine dei nostri giorni

C'è una domanda inevasa nel dibattito pubblico che accompagna il tentativo di legiferare sul fine vita e che pretende una risposta senza ambiguità: il cuore di questa legge sarà la libertà individuale o la tutela della vita? Da questa risposta dipenderanno non solo la direzione che prenderà la legge e con essa le sue immense ricadute sul quotidiano.
DI DOMENICO DELLE FOGLIE

Parole chiave: eutanasia (131), bioetica (68), testamento biologico (30)

di Domenico Delle Foglie

C'è una domanda inevasa nel dibattito pubblico che accompagna il tentativo di legiferare sul fine vita e che pretende una risposta senza ambiguità: il cuore di questa legge sarà la libertà individuale o la tutela della vita? Da questa risposta dipenderanno non solo la direzione che prenderà la legge e con essa le sue immense ricadute sul quotidiano, ma anche la costruzione del senso comune, ovvero quel complesso di significati che il popolo, cioè tutti noi, attribuiamo a una particolare disciplina.

Ora possiamo affermare, soprattutto dopo che una giovane donna di nome Eluana è stata fatta morire per fame e per sete in applicazione di un decreto di un Tribunale della Repubblica, che la vera partita in gioco non è la libertà individuale (anche nella sua veste legittima della libertà di cura), quanto la tutela di una singola vita. Non la vita astratta, ma quella di una persona in carne ed ossa, alla quale, ricostruendone con approssimazione (se non fantasiosamente) le volontà,  si può applicare la decisione di sottrarla a questa esistenza terrena proprio quando essa si trova nella condizione di massima fragilità. Dev'essere dunque questa particolarissima persona fragile a rimanere dinanzi ai nostri occhi, altrimenti saremo ben presto sommersi dalla retorica della libertà individuale e assoluta che, a parere del partito «della libertà innanzitutto», deve necessariamente prevalere anche sulla scienza e coscienza del medico, chiamato solo a ratificare le volontà del paziente. Il medico viene così emarginato dal cammino di cura, in nome dell'autodeterminazione assoluta che nega l'essenza di quella comune antropologia che ci vede vivere sempre in relazione. E che, dinanzi alla fine del percorso terreno, ci vorrebbe addirittura svincolati dalla relazione, sia essa con i familiari, con il medico e con la comunità. Così da poter affermare, in un trionfo del nichilismo, che moriamo da soli. Quasi che non avessimo, tutti noi, semplici uomini e donne, l'umanissima aspirazione a poter chiudere questa nostra avventura terrena incrociando lo sguardo di tutti quelli che abbiamo amato.

Ora è questa la grande posta in gioco: non la libertà di cura che è già assicurata dentro il rapporto medico-paziente, che noi sappiamo essere fra i più umani e tale vogliamo che resti, bensì la tutela della nostra vita alla fine dei nostri giorni. Il che vuol dire alcune cose precise: la terapia del dolore, le cure palliative, e anche la possibilità di affermare e veder rispettate alcune precise volontà chiare, circostanziate, certe, recenti e inequivocabili. Mai però con esito eutanasico. Volontà che perciò non possono prevedere la sospensione dell'alimentazione e dell'idratazione che sono per noi, come per tutti gli esseri umani, semplici sostegni vitali. E non terapie mediche.

Una domanda finale: tutto questo è davvero chiaro, anche alle coscienze dei cattolici? Dubitarne è lecito, visto il bombardamento mediatico che privilegia l'elogio indiscriminato dell'assoluta libertà individuale, fuori dal vincolo della relazione umana. Ora è pensabile che dinanzi a cotanta distorsione i cattolici possano restare afoni? Impossibile.

Non è in gioco la libertà di cura, ma la nostra vita alla fine dei nostri giorni
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Avatar
maurizio mannocci galeotti 12/03/2009 00:00
Caro domenico,
parliamo fra credenti, cattolici e papisti. Metto da parte la mia identità professionale di medico palliativista. la tutela della vita non si sovrappone a quella della salute (globale di ALMA ATA come benessere fisico, psichico, sociale e spirituale) e già qui non cattolici che si appellano al principio di autodeterminazione (come lo chiami tu) hanno il diritto che lo Stato (che è di tutti i suoi cittadini ) lo riconosca.
ma la mia domanda è : non trovi che la vita non si sovrapponga alla Persona per noi candidati alla Resurrezione? Non trovo nelle scritture la vita terrena come valore assoluto, ma le conosco poco. Fin dalla mia conversione ho spesso pensato ai genitori nel Colosseo che aspettavano i leoni con in braccio i loro figli, quando aver bruciato incenso all'idolo li avrebbe salvati. e la risposta che ho sempre trovato è che (supergiù) chi si vergognerà di me IO mi vergognerò di lui e non lo riconoscero'...un po' come Abramo con Isacco figlioletto.
Nell'Evangelio dell'AMORE ho trovato solo e sempre tirate d'orecchio su come vivere la vita terrena non su come viverla per forza.
Termino consigliandoti (dopo letture di storia della medicina) di scrivere un articolo su una donna con tumore al seno nella Firenze del 1909...il suo percorso...le sue paure ..le sue aspettative...nel senso che da cattolico riconfermo che il terreno..il terrestre ha un limite e cosi' come rifiuto la tecnologia già ora ci permette staminali embrionali...ed altro. cosi' neppure voglio consumare risorse per sopravvivere a tutti i costi come un vegetale (perchè persona voglio restare), sapendo che tolgo risorse al prossimo che può migliorare la sua qualità di vita a spese della mia testarda sopravvivenza del mio corpo, che assume piu' importanza della mia Persona ...del mio Essere creatura del Dio dell'Amore
un abbraccio da un iscritto all'AIDO dai 18 anni

Totale 1 commenti

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento