Opinioni & Commenti
stampa

Un ministro che sta a un giustiziere in maschera come un personaggio del cinema a un giocattolo

Quali sconquassi può provocare un giocattolo sottratto a un bambino quando quel bambino crescerà, cercando di diventare adulto? Quante facili ironie sul pupazzetto di Zorro che all’asilo un perfido pargolo del Pd rubò al puro di cuore Matteo Salvini, la prima di una lunga serie di carognate che tuttavia non fecero vacillare il Nostro.

Percorsi: Matteo Salvini - Politica
Matteo Salvini

Non è il Capitano a narrare l’episodio, bensì l’inviata di guerra Chiara Giannini nel libro intervista a Salvini uscito per un editore che sarebbe fascista per sua orgogliosa ammissione, se il fascismo esistesse (pare sia un’invenzione degli antifascisti). La Giannini sente il bisogno di collocare il tragico episodio in prima pagina, proprio all’inizio.

Certamente si ispira a Orson Welles e ai primi minuti del suo capolavoro Quarto potere. Il film comincia dalla morte di Charles F. Kane ed è una lunga, infruttuosa indagine per scoprire il senso dell’ultima parola sussurrata prima di spirare: «Rosebud». I cinefili sanno chi era. Il piccolo Kane viene sottratto alla madre e deve abbandonare anche una slitta, una semplice slitta sul cui fianco è inciso il nome Rosebud. Tutto qui. Kane diventerà uno degli uomini più potenti degli Usa, proprietario di quotidiani in tempi in cui questi erano vendutissimi e incidevano profondamente sull’opinione pubblica. Eppure il suo ultimo pensiero va a un giocattolo. Probabilmente ogni giorno il suo pensiero finiva lì. E mentre conquistava il suo impero e si regalava una reggia, novello ventre materno, Kane giocava, rincorrendo la gioia perduta e irraggiungibile che gli dava Rosebud. Salvini sta a Zorro come Kane sta a Rosebud?

Sorridete pure se ciò vi è di conforto. Eppure è evidente che il Capitano non fa che giocare, alla rincorsa di qualcosa che ha perduto e mai riconquisterà. E, come Kane, gli sarà impossibile mantenere una sia pur pallida parvenza di legame duraturo con una donna. Prima o poi costei pretenderà che costui si tolga la maschera e zac, riapparirà il bambino che gioca, gioca, gioca. Prima o poi lo pretenderanno pure gli italiani. Ah, Rosebud…

Un ministro che sta a un giustiziere in maschera come un personaggio del cinema a un giocattolo
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento