Toscana
stampa

ASL MASSA, IL TRIBUNALE ORDINA REINTEGRO DI DELVINO E ROSSI LO LICENZIA

Percorsi: Regione
Parole chiave: sanit (485), regione toscana (1598), enrico rossi (422)

“Il decreto che ho firmato rientra nelle mie prerogative e risolve una situazione di confusione che si sarebbe determinata alla Asl di Massa e Carrara a seguito dell'ordinanza del Tribunale del lavoro. Tale ordinanza infatti si esprime su un piano civilistico, mentre il mio decreto si esprime su un piano amministrativo in quanto prevede la decadenza a fronte della mancata ottemperanza del dott. Delvino all'obbligo dell'equilibrio di bilancio”. Così il presidente della Regione Toscana Enrico Rossi spiega le ragioni che lo hanno portato a firmare stasera il decreto di licenziamento del dott. Delvino. Il dott Delvino aveva rassegnato volontariamente le dimissioni da direttore generale dell'Asl di Massa e Carrara a seguito del disavanzo di esercizio che la Giunta regionale aveva individuato e denunciato. Successivamente lo stesso dott. Delvino ha presentato ricorso al Tribunale del lavoro che si è pronunciato annullando le dimissioni perché viziate nel consenso, in quanto illegittimamente ottenute e ordinando alla Regione l'immediato reintegro nell'incarico di direttore generale. Il dispositivo di reintegro trova tuttavia impedimento a fronte del grave disavanzo nel bilancio 2009, (previsto art. 3 comma 7 del decreto legislativo 502 del '92 e successive integrazioni). Tale disavanzo costituisce infatti causa di decadenza come richiamato esplicitamente anche dal contratto di lavoro sottoscritto dallo stesso dott. Delvino.
Per queste ragioni il presidente della Regione ha firmato il decreto con cui dichiara il dott. Delvino decaduto per aver occultato il disavanzo di esercizio del bilancio 2009. Sussistono inoltre le condizioni d'urgenza per l'atto suddetto – anch'esse previste dalla legge – tenendo conto del fatto che nel frattempo si sono determinate nuove situazioni di fatto e di diritto, in particolare per l'avvenuta nomina del nuovo direttore generale dell'Asl di Massa e Carrara.
“In merito all'ordinanza – prosegue Enrico Rossi – appare singolare che il Tribunale del lavoro respingendo le eccezioni presentate dalla Regione Toscana abbia equiparato il direttore generale dell'Asl di Massa, il cui rapporto di lavoro è di carattere professionale e contrattuale, ad un qualsiasi rapporto di lavoro dipendente subordinato. Insomma un direttore di Asl è stato trattato dal Tribunale come se fosse un operaio della Eaton”. La Giunta regionale si riserva, infine, di proporre reclamo al Tribunale per la riforma della suddetta ordinanza. (cs-r.fattorini)

ASL MASSA, IL TRIBUNALE ORDINA REINTEGRO DI DELVINO E ROSSI LO LICENZIA
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento