Toscana
stampa

Aeroporti Toscana. Corporacion: via? Possibile se viene stravolto piano

Parlando a margine dell'Assemblea di Confindustria Firenze il vicepresidente esecutivo di Toscana Aeroporti, Roberto Naldi ribadisce che Eurnekian viole solo investire e non speculare. Ma mette le mani avanti: se il piano nazionale aeroporti viene stravolto Corporecion potrebbe mollare. E boccia come «stupidaggini» le proposta di una terza pista per Pisa e di una di rullaggio per Peretola.

Il progetto della nuova pista per l'aeroporto di Peretola

I nuovi soci del fondo sovrano di Dubai sono pentiti dell'investimento in Toscana Aeroporti? «Assolutamente no, lo ha detto Eurnekian che ha registrato il messaggio» per questa assemblea «non più tardi di ieri. Non è pentito. Qualcuno qualche tempo fa ci ha detto, volete vendere? Vi diamo il doppio di quello che ha investito. Ed Eurnekian ha risposto che noi non siamo investitori speculatori, siamo investitori per far crescere così come lo siamo sempre stati». Lo sostiene il presidente di Corporacion America Italia e vicepresidente esecutivo di Toscana Aeroporti, Roberto Naldi.

Il 12 ottobre si terrà una nuova conferenza dei servizi per autorizzare la realizzazione della nuova pista parallela dell'aeroporto di Firenze. Sarà l'ultima, viene chiesto a margine dell'assemblea degli industriali fiorentini? «Non so se sia l'ultima, per la conferenza dei servizi c'è tempo fino al 7 dicembre- sostiene-. Non sarà l'ultima, ma crediamo che sarà importante. Dopodiché abbiamo rispettato, e siamo pronti a rispettare norme e regolamenti tutti, fino in fondo. Ci aspettiamo di sentire dire delle cose da fare, ma a livello giuridico, tecnico e non fantasioso».

«Con un cambiamento stravolgente dal punto di vista degli impegni e del piano nazionale sulla cui base abbiamo investito, tutto può essere», aggiunge però il presidente di Corporacion America Italia, rispondendo a una domanda circa la possibilità di rinunciare agli investimenti sugli aeroporti toscani qualora dovesse permanere una linea intransigente da parte del governo. «Il piano- ricorda- prevedeva che il sistema aeroportuale toscano fosse costituito da due aeroporti strategici con due obiettivi di traffico, con due specializzazioni diverse, la realizzazione di una nuova pista a Firenze che non superava i problemi di sicurezza, perché Firenze è un aeroporto sicuro, ha delle limitazioni dovute al vento e dei vettori».

La proposta di una terza pista all'aeroporto Pisa e di un adeguamento con la sola pista di rullaggio a Peretola è un modo per far ripartire da zero l'iter autorizzativo? «Probabilmente lo è, ma forse dovrebbe essere detto così. Perché per sostenere tecnicamente che 1+1 fa undici bisogna essere molto bravi», ha risposto ancora Naldi ai giornalisti. «La pista dello scalo di Firenze è prolungabile con una pista di rullaggio - aggiunge -? È una stupidaggine tecnica così come è una stupidaggine tecnica proporre la terza pista a Pisa. È una fantasia. Non ce l'hanno Jfk, Heatrow, Gatwick, Malpensa».

Per Naldi sussiste una difficoltà giuridica insuperabile. «Non è fattibile dirottare finanziamenti pubblici a Pisa in quanto avendo più di 5 milioni di passeggeri non può ricevere finanziamenti secondo la legge europea- sottolinea-, a meno che non si esca dall'Europa». Quanto a Peretola, «è un city airport, lo è e lo sarà come Linate e Napoli. Non sarà mai uno scalo intercontinentale, lo abbiamo scritto in tutti i modi».

Naldi respinge anche quella che definisce «la sindrome della razzia dei fiorentini» a scapito dei pisani. «Se un traffico è aumentato è proprio quello di Pisa - rammenta -, l'unica linea trasferita è stata quella di Volotea da Firenze a Pisa, sono stati messi voli significativi a Pisa, il lavoro fatto è per valorizzare Pisa, nei limiti del possibile, all'interno di un sistema». Non è accettabile, conclude Naldi che è anche presidente di Corporacion America Italia, il socio di maggioranza di Toscana Aeroporti, «per un soggetto che gestisce 53 fra scali e sistemi aeroportuali consentire che vengano dette delle stupidaggini da parte di improbabili esperti».

Fonte: Agenzia Dire
Aeroporti Toscana. Corporacion: via? Possibile se viene stravolto piano
  • Attualmente 1 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 1/5 (1 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Avatar
Marco RIVA 05/10/2018 17:26
Dissento
Se è per quello, la normativa europea vieta la costruzione di nuovi aeroporti nel raggio di 100 km di bacini d'utenza di scali già esistenti (200km per località servite da TAV, come Bologna). E il masterplan di peretola ne fa un aeroporto nuovo, altro che "sola pista", con piazzole adatte ad aerei di classe superiore all'attuale, altro che city airport.
Strano poi che il vicepresidente di TA respinga l'idea di una pista nuova che potrebbe rendere Pisa uno scalo alternato per gli airbus 380. Se il problema sono tre piste a Pisa, l'attuale 04R potrebbe essere utilizzata per il rullaggio. Proprio come è accaduto a Heathrow, che è passato dalle originali 3 piste (toh!) più corte a 2 lunghe, riconvertendo le preesistenti .
Per la crescita di traffico, il Galilei stava andando benissimo da sé (al contrario del Vespucci). Ora invece la sua crescita media è costantemente inferiore a quella media nazionale (www.assaeroporti.com).
Per la sindrome da razzia... Il Galilei era un aeroporto pubblico e la SAT aveva sede a Pisa. Ora TA -privata- ha sede a firenze, presidente un fiorentino, vicepresidente e buona parte del CdA pure. Se non è razzia campanilista questa...

Totale 1 commenti

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento