Toscana
stampa

Dal n. 25 del 30 giugno 2002

Appello al G8: «Non prendete in giro i poveri»

Si è concluso in Canada il G8 2002 con la decisione di associare a pieno titolo la Russia che lo organizzerà e presiederà nel 2006. Dal vertice è uscito l'impegno ad aiutare la Russia con 20 miliardi di dollari per la messa in sicurezza dell'aresenale atomico e l'Africa con un aumento dei fondi destinati allo sviluppo ai Paesi disposti a combattere la corruzione a livello governativo e a mettere in pratica riforme che vanno nel senso dell'economia di mercato. Nulla di fatto invece sul fronte Medio Orientale dove permangono differenze sulle strategie da seguire per un processo di pace. «I poveri non possono essere presi in giro. I poveri non possono più aspettare!». Questo era l'appello che oltre 50 associazioni cattoliche aderenti al cartello «Sentinelle del mattino» (tra cui Acli, Azione cattolica italiana, Focolari, Volontari nel mondo-Focsiv, Agesci, ecc.), avevano presentato il 25 giugno a Roma, alla vigilia del vertice del G8 a Kananaskis, in Canada, esponendo le loro preoccupazioni e proposte rivolte ai governi partecipanti.

La Chiesa fiorentina di fronte alla globalizzazione
Il testo dell'Appello (25 giugno 2002)

«I poveri non possono essere presi in giro. I poveri non possono più aspettare!». È l'appello di oltre 50 associazioni cattoliche aderenti al cartello «Sentinelle del mattino» (tra cui Acli, Azione cattolica italiana, Focolari, Volontari nel mondo-Focsiv, Agesci, ecc.), che hanno presentato il 25 giugno a Roma, alla vigilia del vertice del G8 a Kananaskis, in Canada, con le loro preoccupazioni e proposte rivolte ai governi partecipanti.

Nell'appello, che fa seguito ad una serie di prese di posizione assunte già lo scorso anno durante il G8 di Genova e in occasione di altri appuntamenti internazionali, le associazioni chiedono, tra l'altro, di «isolare a livello politico e commerciale i paradisi fiscali e finanziari», «rafforzare gli impegni nella lotta all'Aids», «attivare una procedura di arbitrato internazionale per il debito affidato ad un organismo indipendente», «destinare all'aiuto allo sviluppo lo 0,7% del Pil». Al governo italiano, in particolare, chiedono di raggiungere almeno lo 0,39% del Pil nella prossima legge finanziaria.

«Dopo una serie di vertici mondiali “inutili” perché non hanno saputo definire politiche concrete – ha detto Sergio Marelli, direttore della Focsiv –, oggi chiediamo ai governi del G8 di assumere le proprie responsabilità; di essere coerenti, perché non si può, da una parte, esprimere completa fiducia nel libero mercato e poi continuare ad attuare misure protezionistiche sui prodotti provenienti dai Paesi in via di sviluppo; e di ribaltare la visione economicistica per cui in cima alla scala dei valori vi è sempre il profitto». Preoccupazione viene espressa, in particolare, in merito al Nepad (New partnership for Africa's development) il piano operativo per lo sviluppo dell'Africa, «che in realtà non racchiude i reali bisogni della società civile africana». Le associazioni si dicono preoccupate, tra l'altro, anche per quelle iniziative che «spacciano» lo «smaltimento delle eccedenze alimentari» per «aiuti umanitari alle popolazioni colpite da guerre e catastrofi» o la ricerca di nuovi sbocchi commerciali, ad esempio nel mercato dell'informatica, per «recupero del divario tecnologico esistente tra Nord e Sud del mondo».
Ad un anno dal G8 di Genova, Luigi Bobba, presidente delle Acli, ha giudicato le tante promesse non mantenute come «un vero insulto ai poveri»: «Anche con il governo italiano – ha detto – abbiamo scelto finora l'atteggiamento del dialogo, ma se non si vedono segnali di una inversione di tendenza la pazienza rischia di arrivare al culmine. Ora ci stiamo stancando».

Per questo le associazioni hanno in cantiere una serie di azioni ed iniziative: a partire da oggi i giovani che parteciperanno alla Gmg di Toronto, ma anche i gruppi, invieranno delle «cartoline virtuali» (tramite il sito www.sentinelledelmattino.com) al governo italiano e alle ambasciate in Italia degli altri Paesi membri del G8, con una copia dell'appello diffuso in questi giorni. E dal 30 luglio al 4 agosto, a Molfetta, si svolgerà un campo estivo «interassociativo» su tematiche internazionali, ripercorrendo l'itinerario spirituale di don Tonino Bello. A Firenze, nel mese di settembre, verrà organizzata una grande manifestazione pubblica. «Vogliamo far sentire la nostra voce – ha detto Ernesto Diaco, dell'Azione cattolica – per non essere confusi con il minestrone “no global”: anziché negare la globalizzazione preferiamo mettere dentro i nostri contenuti».

Anche il Coordinamento nazionale delle comunità di accoglienza (Cnca), a cui aderiscono in tutta Italia 256 tra associazioni, comunità, cooperative, impegnate nel fornire risposte alle persone in disagio sociale, esprime preoccupazione e perplessità sul G8 di Kananaskis: «I poveri sono invitati, ma non possono decidere – fa notare Lucio Babolin, vicepresidente del Cnca – solo i potenti possono decidere per tutti; solo i ricchi possono mantenere potere di vita o di morte sul mondo; solo i ricchi possono decidere forme di aiuto e poi non rispettarle».

Il testo dell'Appello (25 giugno 2002)

Globalizzazione, i diritti umani al primo posto

Globalizzazione, i rischi li corre il sistema democratico

La Chiesa fiorentina di fronte alla globalizzazione

Il sito ufficiale del Social Forum Europeo

Appello al G8: «Non prendete in giro i poveri»
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento