Toscana
stampa

ISRAELE, SEQUESTRO GILAD SHALIT: LA PREGHIERA DEI CATTOLICI DI ESPRESSIONE EBRAICA

Percorsi: Mondo
Parole chiave: israele (265), palestina (260), hamas (17), gerusalemme (71)

La marcia di protesta dei genitori e familiari del soldato israeliano, Gilad Shalit, da quattro anni nelle mani di Hamas, cominciata ieri dalla loro casa di Mitze Hila, in Alta Galilea, è accompagnata, oltre che da migliaia di cittadini, anche dalle preghiere delle Kehilla, le comunità cattoliche di espressione ebraica, che in una nota di ieri, esortano tutti i loro fedeli a pregare per la salute ed il rilascio del soldato. In particolare il parroco della kehilla di Gerusalemme, padre Apolinary Szwed, durante un battesimo celebrato ieri, ha voluto ricordare i genitori di Shalit, Noam e Aviva, e pregare perché la loro speranza di rivedere a casa il figlio venga realizzata: “continuiamo a pregare per Gilad Shalit e per la pace e la giustizia nella nostra regione”. La marcia intrapresa dai familiari del soldato israeliano durerà 12 giorni e si fermerà a Gerusalemme, sotto la residenza del premier Benyamin Netanyahu. L'obiettivo è quello di fare pressione sul governo perché arrivi ad un accordo con Hamas per la liberazione del figlio. “Non torneremo a casa senza nostro figlio” hanno affermato Noam e Aviva al momento di partire.
Sir

ISRAELE, SEQUESTRO GILAD SHALIT: LA PREGHIERA DEI CATTOLICI DI ESPRESSIONE EBRAICA
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento