Toscana
stampa

LUCCHINI: REGIONE TOSCANA CHIEDERÀ A BANCHE MORATORIA DEBITI INDOTTO

Percorsi: Regione
Parole chiave: lavoro (615), crisi economica (372), piombino (7), regione toscana (1598)

(ASCA) - Una moratoria per i debiti che le imprese dell'indotto Lucchini hanno contratto con le banche, con la possibilità di slittamento delle rate di pagamento. è quanto la Regione Toscana chiederà agli istituti di credito del territorio nel corso dell'incontro in programma per la mattina del 3 agosto. Ad annunciare l'intenzione della Regione di avanzare questa richiesta è stato l'assessore alle attività produttive lavoro e formazione Gianfranco Simoncini, intervenuto oggi a Piombino (Li) all'incontro organizzato dal Pmi Unite, l'associazione livornese che raggruppa le piccole imprese aderenti a Confapi e Cna. Proprio ieri la giunta regionale aveva varato un fondo da 5 milioni di euro affinché le banche possano concedere fidi e prestiti alle imprese dell'indotto, che impiegano circa 800 persone. “Innanzitutto - ha detto oggi Rossi - la vicenda si è riaperta anche a livello nazionale, si è superato l'isolamento della Lucchini, perché i due governi, italiano e russo, hanno dichiarato pubblicamente di volersi interessare del problema. Ieri ho avuto conferma che il presidente Medvedev solleciterà il magnate Mordashov. Nel frattempo però, mentre questo fatto ha riaperto una prospettiva per la Lucchini, ieri abbiamo preso una decisione di grande peso perché con Fidi Toscana abbiamo preso impegno a conferire 5 mln che serviranno a sostenere la domanda di liquidità. Fondi che attiveranno fino a 60 mln che potranno coprire la fase transitoria in attesa che la vicenda della Lucchini possa avere un esito positivo”.

LUCCHINI: REGIONE TOSCANA CHIEDERÀ A BANCHE MORATORIA DEBITI INDOTTO
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento