Toscana
stampa

RETE TOSCANA CLASSICA, LA REGIONE RINNOVA LA CONVENZIONE PER IL 2005

Percorsi: Regione

Prosegue l'impegno della Regione Toscana per la diffusione della musica classica. L'assessore alla comunicazione Chiara Boni e il presidente della Fondazione Rete Toscana Classica Marco Parri hanno firmato oggi una convenzione che conferma il sostegno all'emittente Rete Toscana Classica, specializzata nella diffusione di programmi di musica classica 24 ore su 24, garantendone la prosecuzione dell'attività. La convenzione definisce anche le risorse che garantiranno alle note di Rtc di continuare a riempire l'etere: di qui al 2005 la Regione contribuirà con 120 mila euro.

La Fondazione Toscana Classica è nata nel luglio 2003 per iniziativa dell'Orchestra Regionale Toscana e dell'Associazione Pro Verbo di Prato con la finalità di assicurare una gestione autonoma all'emittente. Con la convenzione firmata oggi la Fondazione si impegna a potenziare l'attività della rete che sarà estesa, entro giugno, a nuove province, arrivando a coprire circa il 70% del territorio regionale. Accanto alle trasmissioni musicali, proseguirà anche l'attività di informazione su eventi culturali.

"Grazie a queste risorse - spiega l'assessore Chiara Boni - la Toscana non solo mantiene ma potenzia ulteriormente una rete di qualità che, da quando è nata, nel giugno 2002, ha visto accrescersi costantemente il numero degli ascoltatori. Tutto questo ha un significato che va al di là dell'importanza, innegabile, della diffusione di una cultura musicale. Mentre la Toscana promuove il mezzo radiofonico, infatti, la Rai va esattamente in controtendenza, penalizzando il servizio pubblico e tutelando in maniera insufficiente le sue frequenze". (cs-bc)

RETE TOSCANA CLASSICA, LA REGIONE RINNOVA LA CONVENZIONE PER IL 2005
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento