Toscana
stampa

SANTA SEDE: MONS. MIGLIORE (OSSERVATORE ONU), DISARMO E REGOLAMENTAZIONE DELLE ARMI DI PICCOLO CALIBRO

Percorsi: Mondo

Un “progressivo e concertato disarmo nucleare”, da portare avanti tramite un “dialogo” da promuovere all'interno della comunità internazionale per porre fine ad un “dibattito sterile”, “troppo spesso portato avanti in termini astratti da posizioni precostituite”. È l'obiettivo indicato da mons. Celestino Migliore, osservatore permanente della Santa Sede presso l'Onu, durante la 61ma Sessione dell'Assemblea generale e delle Nazioni Unite, svoltasi ieri a New York. “640 milioni di armamenti nucleari nel mondo – ha denunciato l'esponente vaticano – uccidono e mutilano decine di migliaia di persone, provocano le crisi dei rifugiati, minano il ruolo della legge e diffondono una cultura di violenza e impunità”. Senza contare il ricorso alle armi di piccolo calibro, che ha “un profondo impatto anche sui bambini”. “Le politiche di deterrenza nucleare, tipiche della Guerra Fredda – è la proposta della Santa Sede – devono e possono essere rimpiazzate da concrete misure di disarmo basate sul dialogo e sulle negoziazioni multilaterali”. Il mondo, infatti, per Migliore si trova oggi di fronte ad “un bivio”, tra “un mondo in cui la proliferazione di armi nucleari è ristretta e rimpiazzata dalla fiducia, dal dialogo e da accordi negoziati” e un mondo “in cui cresce rapidamente il numero di stati che si sentono obbligati ad armarsi con armamenti nucleari”, con la conseguente crescita del terrorismo.
Sir

SANTA SEDE: MONS. MIGLIORE (OSSERVATORE ONU), DISARMO E REGOLAMENTAZIONE DELLE ARMI DI PICCOLO CALIBRO
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento