Toscana
stampa

SUD SUDAN: WHITTALL (MSF), UNA PESANTE ESCALATION DI VIOLENZA

Percorsi: Mondo
Parole chiave: sudan (41), africa (788)

Un'ondata di violenza aggrava la crisi umanitaria in Sud Sudan. L'ultimo attacco, lo scorso 29 agosto, è stato nella contea di Twic East, nello stato di Jonglei, e ha causato la morte di 42 persone, tra cui numerose donne e bambini. “Quest'anno – spiega Jonathan Whittall, capo missione di Msf in Sud Sudan – si è verificata una pesante escalation di violenza” a motivo degli attacchi sferrati dai gruppi armati dell'Lra (Lord's Resistance Army) negli stati Equatorial, che hanno costretto 65 mila civili ad abbandonare le proprie abitazioni, causando inoltre la morte e il rapimento di centinaia di persone (i dati ufficiali parlano di 1.057 morti e 259 feriti). “Questi violenti attacchi - prosegue Whittall – sono diversi dal tradizionale «furto di bestiame» che si verifica annualmente. Donne e bambini, generalmente risparmiati dagli scontri, vengono ora presi di mira deliberatamente e il numero dei morti supera quello dei feriti”. In un clima che “terrorizza la popolazione e richiede forte assistenza”, Medici senza frontiere evidenzia il “bisogno urgente di aiuti umanitari, innanzitutto cibo e ripari”. Da parte sua, l'organizzazione ha donato forniture mediche ad un centro di salute di Panyangor e sta effettuando una distribuzione alimentare d'emergenza per 4.500 bambini di età inferiore ai 5 anni, cercando di prevenire i casi di malnutrizione e di fornire assistenza.
Sir

SUD SUDAN: WHITTALL (MSF), UNA PESANTE ESCALATION DI VIOLENZA
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento