Vita Chiesa
stampa

150° Azione cattolica: presidenza Cei, «siate profeti del quotidiano» e «lievito» delle comunità

La celebrazione del 150° anniversario dell’Azione cattolica sia «occasione preziosa per rinnovare il vostro essenziale impegno laicale al servizio della Chiesa e del mondo». Lo scrive la presidenza della Cei in un messaggio all’associazione, reso noto oggi a poche ore dall’apertura della 16ª Assemblea nazionale dell’associazione, nel corso della quale domenica 30 l’Ac festeggerà la ricorrenza in piazza San Pietro, con papa Francesco.

Percorsi: Azione Cattolica - Cei
Acr Roma, carovana della pace (Foto Sir)

Un traguardo, scrive la presidenza Cei, che costituisce «l’occasione perché la Chiesa italiana possa dirvi il suo grazie per la vostra presenza». «Grazie – prosegue il testo – per la vostra fedeltà alla Chiesa anche quando vi ha chiesto la fatica di ripensare lo stile di tale presenza, la vostra struttura organizzativa, i vostri linguaggi»; «grazie per il vostro impegno a tradurre a livello popolare le scelte maturate dall’episcopato per l’attuazione delle indicazioni conciliari nella catechesi, nella liturgia e nella testimonianza della carità, come anche nella proposta di un modello di Chiesa caratterizzato dalla comunione e dallo slancio missionario»; «grazie per aver concretizzato tutto questo nella ‘scelta religiosa’, intesa come formazione di laici capaci di esporsi sulle frontiere più avanzate del sociale e del politico per testimoniare i valori cristiani»; «grazie per l’impegno a essere ‘scuola di santità’» con «tante figure di santità laicale» – alcune «riconosciute dalla Chiesa», tantissime altre «sconosciute ai più, ma conosciute da Dio» – che «sono da un lato la ‘traccia’ della vostra presenza e dall’altro il ‘tesoro’ a cui far continuamente riferimento per un rinnovato impegno».

«Abitare il nostro tempo», «la vita» e «le comunità». È l’invito che la presidenza della Cei rivolge all’Azione cattolica. «Per comprendere che questo è uno dei momenti cruciali nei quali le cose di sempre vanno ribadite e diffuse con scelte creative, linguaggio rinnovato ed effettiva revisione dei tempi, modi e contenuti delle proposte – scrivono i vescovi – è necessario che diventiate capaci di un autentico discernimento nelle comunità ecclesiali e nella società a partire dal vostro essere associazione», precisando che il discernimento «è quel processo che porta a riconoscere il bene e induce a ‘prendere parte’, a non cercare il quieto vivere e il conforto dell’abitudine».

In secondo luogo la sottolineatura dell’importanza «di una permanente formazione delle coscienze». «Siate profeti del quotidiano: la profezia dell’AC – prosegue la presidenza Cei – sta nella sua capacità di sentire con la Chiesa, affiancando le persone per offrire loro la possibilità di condividere un viaggio interiore, attraverso l’esperienza della formazione globale, della ricerca spirituale, dell’ascolto, della testimonianza che – dentro la realtà terrena – sa spendersi con quella ‘spiritualità del quotidiano’ che trasforma, motiva, dona fiducia». Infine «abitare le comunità», «senza fughe al di fuori, senza ritagliarsi una Chiesa su misura», essendo «lievito» affinché queste «diventino luoghi in cui vengano ospitate le reali questioni della vita, la ricerca comune del senso, le specifiche attitudini che solo l’esistenza concreta può offrire». L’appello è a incamminarsi «in un percorso sinodale, strada maestra per crescere nell’identità di Chiesa in uscita, capace di mettersi in movimento creativo, innovando con libertà dentro un orizzonte di comunione».

Fonte: Sir
150° Azione cattolica: presidenza Cei, «siate profeti del quotidiano» e «lievito» delle comunità
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento