Vita Chiesa
stampa

La celebrazione di apertura

Quando Dio viene “bandito dalla vita pubblica” non c'è “tolleranza”, ma “ipocrisia”. Sono parole forti quelle pronunciate ieri mattina da papa Benedetto XVI nell'omelia della Messa con la quale si è ufficialmente aperta ieri in Vaticano la XI Assemblea generale ordinaria del Sinodo dei Vescovi. Sono arrivati a Roma da tutto il mondo circa 250 padri sinodali che da oggi e per tre settimane (fino al 23 ottobre) discuteranno nell'aula del Sinodo in Vaticano sul tema “L'Eucaristia: fonte e culmine della vita e della missione della Chiesa”. Ieri il Papa ha centrato la sua omelia sulla parabola del Vangelo dei vignaioli che uccidono il figlio del padrone per diventare padroni della vigna. “Questi affittuari – ha detto il papa - costituiscono uno specchio anche per noi. Noi uomini, ai quali la creazione, per così dire, è affidata in gestione, la usurpiamo. Vogliamo esserne i padroni in prima persona e da soli. Vogliamo possedere il mondo e la nostra stessa vita in modo illimitato. Dio ci è d'intralcio. O si fa di Lui una semplice frase devota o Egli viene negato del tutto, bandito dalla vita pubblica, così da perdere ogni significato. La tolleranza, che ammette per così dire Dio come opinione privata, ma gli rifiuta il dominio pubblico, la realtà del mondo e della nostra vita, non è tolleranza ma ipocrisia. Laddove però l'uomo si fa unico padrone del mondo e proprietario di se stesso, non può esistere la giustizia. Là può dominare solo l'arbitrio del potere e degli interessi”.

Riprendendo sempre le parole della Sacra Scrittura, il Papa ha quindi lanciato un monito: “la minaccia di giudizio riguarda anche noi, la Chiesa in Europa, l'Europa e l'Occidente in generale”. “Anche a noi può essere tolta la luce, e facciamo bene se lasciamo risuonare questo monito in tutta la serietà nella nostra anima”. “A questo punto – ha aggiunto il Papa – sorge in noi la domanda: ‘Ma non c'è nessuna promessa, nessuna parola di conforto nella lettura e nella pagina evangelica di oggi?. È la minaccia l'ultima parola?' No! La promessa c'è, ed è essa l'ultima, l'essenziale parola”. “Dio non fallisce – ha assicurato Benedetto XVI -. Alla fine Egli vince, vince l'amore”.
Al termine dell'omelia il Santo Padre si è rivolto ai padri sinodali con una richiesta: “Preghiamo il Signore di donarci la sua grazia, perché nelle tre settimane del Sinodo che stiamo iniziando non soltanto diciamo cose belle sull'Eucaristia, ma soprattutto viviamo della sua forza”.
Sir

Omelia per l'apertura del Sinodo dei vescovi

IL PAPA ALL'ANGELUS: EUCARESTIA FORZA DELLA MISSIONE (2 ottobre 2005)

La celebrazione di apertura
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento