Mondo
stampa

Bosnia Erzegovina: mons. Sudar (Sarajevo), «Chi può fugge»

(dall’inviato Sir a Gorizia) - “Vent’anni dopo la guerra la Bosnia Erzegovina risulta essere una società moribonda, dalla quale chi può fugge”. Il richiamo è giunto oggi dal vescovo ausiliare di Sarajevo, monsignor Pero Sudar, intervenuto al convegno nazionale Fisc in corso a Gorizia su “Europa e confini”.

Percorsi: Bosnia Erzegovina - Fisc
Parole chiave: Pero Sudar (1)

“Avvelenata dalle ingiustizie inflitte e patite - ha denunciato il vescovo - la gente del mio Paese non ha ancora il coraggio di levare lo sguardo, né la capacità di intuire un futuro migliore”. “Il peso che ci schiaccia - ha aggiunto - sono le profonde ferite della guerra, che a causa di una pace ingiusta non trovano modo di guarire. Gli accordi di pace imposti dagli Usa a Dayton rendono il nostro Paese ingovernabile. Ne è prova la situazione sociopolitica, oggi ancora peggiore dell’immediato dopoguerra”. Quale prospettiva per questa terra? Per monsignor Sudar servirebbe “un radicale cambiamento della mentalità”, compito che richiede “un impegno serio e duraturo”, poiché “da oggi a domani i vecchi nemici non diventano amici”.

Per “sradicare la guerra fratricida” che per tre volte, solo nel secolo scorso, ha colpito la Bosnia Erzegovina, “bisogna educare le nuove generazioni - ha ricordato Sudar - a vivere con un altro spirito. Per noi cristiani è lo spirito del Vangelo, la cultura del rispetto e della cura per il bene comune”. Imprescindibile, però, è “il reciproco riconoscimento” - a partire dalle differenti confessioni religiose - che si è “figli di un unico Dio”. Il presule è quindi ritornato sulla “fuga” continua dei giovani dal Paese, lamentando che “se costoro continuano ad andare via, la Bosnia Erzegovina non potrà essere un Paese di convivenza e incontro”, finendo per acuire un “processo di disintegrazione”. “I media - ha concluso - hanno una grande missione: mettersi dalla parte della giustizia, perché solo da quella parte può venire il contributo umano alla causa della pace, che è il grande dono di Dio”.

Fonte: Sir
Bosnia Erzegovina: mons. Sudar (Sarajevo), «Chi può fugge»
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento