Toscana
stampa

Mini-Imu, ecco dove si paga in Toscana

Tasse sulla casa: il 2014 è cominciato nella confusione più totale, più o meno com’era finito il 2013, con un vero e proprio rompicapo. È la cosiddetta «mini Imu» sulla prima casa e le pertinenze, da pagare entro il 24 gennaio: una «stangatina» che colpirà 330 mila famiglie toscane. L’importo è minimo, per qualcuno è niente, ma tutti dovranno ricorrere  al proprio Caaf di riferimento o dal commercialista per sapere se devono pagare e quanto.

Percorsi: Casa - Imu
Mini-Imu, ecco dove si paga in Toscana

Contribuenti costretti a prendere l’appuntamento, mettersi in fila alla posta e pagare una tariffa sia pur minima (sui 5 euro, 3 se il tributo da versare è inferiore a 5); pochi spiccioli che in qualche caso potrebbero essere anche maggiori del tributo da versare. Il Caaf Cgil stima che il 15,15% dei contribuenti potrebbe essere esonerato dal pagamento della mini Imu, ma solo l’elaborazione della pratica potrà confermare l’eventuale esonero. Inoltre, è prevista l’assunzione di un centinaio di persone per fronteggiare questo impegno supplementare.

Il 44,25% dei Comuni toscani (127 su un totale di 287, tra i capoluoghi figurano Siena, Grosseto e Livorno) ha deliberato una aliquota superiore allo 0,4% (soglia rimborsata dallo Stato): chi abita in questi Comuni dovrà pagare il 40% del «di più» dello 0,4% entro il 24 di gennaio (si arriva, al massimo, anche allo 0,6%, come ad esempio a Pietrasanta, Viareggio e San Marcello Pistoiese). Non finisce qui: i Comuni, con un proprio regolamento, hanno deliberato l’importo del versamento minimo, di sotto al quale si è esentati, versamento che varia da Comune a Comune (si va dai 18 euro di Castelfiorentino ai 2 euro di Colle val d’Elsa, Civitella in Val di Chiana, Montopoli in val d’Arno).

«Con questa mini Imu, si sono create disparità tra i cittadini: chi non paga niente, chi paga qualcosa, chi paga di più. Noi come centri di assistenza fiscale siamo in imbarazzo», spiega Paolo Graziani, presidente di Caaf Cgil Toscana. Che aggiunge: «Nel Paese dell’evasione fiscale, tantissimi lavoratori e pensionati ci hanno chiamato e ci stanno chiamando perché vogliono pagare e cercano di capire come farlo. Ogni Comune ha un’aliquota Imu diversa che, insieme al versamento minimo – anch’esso variabile a seconda del municipio – rende di difficile individuazione se l’imposta è dovuta o a quanto ammonta. In ogni caso, noi stiamo implementando i nostri servizi per metterci a disposizione di tutti: come sempre non lasceremo nessuno da solo».

Fulvio Farnesi, amministratore delegato di Caaf Cgil Toscana, conclude così: «Quando si parla del rapporto tra la Pubblica amministrazione e i cittadini, si dovrebbe tenere conto che si toccano le persone in carne ed ossa. Sulla mini Imu è stato fatto un pasticcio: i cittadini dovrebbero essere messi a conoscenza dei loro obblighi fiscali senza queste rincorse e incertezze».

Mentre l’Imu va in archivio tra le polemiche, nuove tasse si profilano all’orizzonte: la nuova Tasi, la tassa sui servizi che – assieme alla Tari sui rifiuti e all’Imu rimasta su prime case di lusso e seconde abitazioni – va a formare la Iuc, imposta unica comunale. Tasi che non ha ancora debuttato ma che potrebbe essere modificata di nuovo, rivedendo la quota base, ovviamente al rialzo.

La legge di Stabilità 2014 appena approvata, infatti, ha introdotto la nuova Iuc (Imposta unica comunale) caratterizzata dalla presenza di tre componenti diverse ovvero: l’Imu dovuta dal possessore degli immobili (escluse le abitazioni principali il tributo continua ad essere dovuto per gli altri immobili ovvero abitazioni secondarie, uffici, negozi ecc.); la Tasi, una tassa sui servizi indivisibili (ad esempio manutenzione delle strade, illuminazione, sicurezza ecc.); la Tari relativa al servizio di smaltimento dei rifiuti destinata a finanziare i costi del servizio di raccolta e smaltimento a carico dell’utilizzatore. In alcuni casi la Tasi può essere a carico sia del proprietario, ma anche dell’utilizzatore dell’immobile. Tutto questo per permettere ai Comuni di colmare il buco di 1,5 miliardi di euro, pena – per i cittadini e utenti – la sospensione di alcuni servizi.

Ecco i Comuni dove si paga

Di seguito, divisi per Provincia, i Comuni toscani dove si dovrebbe pagare la mini Imu a gennaio. Tra parentesi, l’aliquota applicata e il versamento minimo in euro, sotto il quale si è esentati).

Arezzo
Capolona (5,2- 5), Anghiari (4,5-12), Castel Focognano (5-5), Chiusi della Verna (4,5-5), Lucignano (4,9-10), Monte San Savino (4,8-12), Ortignano Raggiolo (5-5), Pieve Santo Stefano (5,7-12), San Giovanni Valdarno (5,2-12), Sansepolcro (4,8-12) Subbiano (4,5-12), Talla (5-5), Castel San Niccolò (4,5-12), Castiglion Fiorentino (6-10), Civitella in Val di Chiana (4,7-2), Chitignano (5-5), Montevarchi (4,5-12), Caprese Michelangelo (5-12), Marciano della Chiana (5,5-12).

Firenze
Bagno a Ripoli (5-12), Barberino Val d’elsa (4,3-12), Borgo San Lorenzo (5-4), Calenzano (4,5-12), Castelfiorentino (4,8- 18), Certaldo (4,6- 3), Fiesole (6-5), Fucecchio (4,5-10), Montaione (4,5-10), Pelago (5-12), Pontassieve (5-10), Reggello (4,3-12), Rignano sull’Arno (4,5-3), Signa (4,8-12), Londa (4,8-5), Campi Bisenzio (4,8-12), Firenzuola (5-4), Rufina (5-5), Incisa Val d’Arno (5-3), Impruneta (4,8-12), Dicomano (5,5-4), Barberino di Mugello (5-4), San Piero a Sieve (4,5-4), Empoli (4,8-10), Capraia e Limite (4,8-10), Gambassi Terme (4,6-10), Montelupo Fiorentino (4,8-10), Montespertoli (4,3-12), San Casciano in Val di Pesa (4,6-3), San Godenzo (4,5-5), Scandicci (5-5), Vaglia (5-12), Vinci (4,5-10), Vicchio (5-4), Tavarnelle Val di Pesa (4,3-12).

Grosseto
Magliano in Toscana (4,4-5), Grosseto (4,4-12), Manciano (5-12), Roccastrada (6-8), Scarlino (4,5-12).
        
Livorno
Piombino (4,7-12), Campiglia Marittima (5-12), Suvereto (4,5-10), Rio Marina (5-6), Livorno (5,6-10),

Lucca
Pietrasanta (6-12), Montecarlo (5-12), Massarosa (4,5-12), Fosciandora (5-5), Coreglia Antelminelli (4,9-12), Pescaglia (5,5-12), Altopascio (5,5- 12), Vagli Sotto (5-12), Viareggio (6-12)

Massa Carrara
Pontremoli (4,6-12), Aulla (4,8-12), Mulazzo (4,5-12), Tresana (4,5-12), Fivizzano (4,9-12), Fosdinovo (5-12), Villafranca in Lunigiana (4,8-10).

Pisa
Fauglia (4,75-10), Volterra (5-12), Buti (4,7-10,33), Calci (4,5-12), Lorenzana (4,5-12), Montopoli Val d’Arno (5,2-2), San Giuliano Terme (6-12,49), Bientina (4,6-12), Palaia (4,5-12).

Pistoia
Buggiano (4,9-12), Pieve a Nievole (5,4-10,33), Montecatini Terme (4,9-5), Agliana (5-12), Monsummano Terme (5,5-12), Cutigliano (5-4), Massa e Cozzile (4,2-4), Montale (5,6-10), Pescia (5,5-6), Quarrata (5,3-5), San Marcello Pistoiese (6-4), Larciano (5,5-12), Lamporecchio (5,5-4), Uzzano (5,5-5,16), Ponte Buggianese (5,5-4), Serravalle Pistoiese (5-10)

Prato
Poggio a Caiano (4,5 -12), Carmignano (4,5-10,33)
Vernio (4,9-12,01)

Siena
Asciano (4,9-12), Trequanda (4,8-12), Torrita di Siena (4,8-2,5), San Giovanni d’Asso (4,8-12), Colle Val D’Elsa (5-2), Sinalunga (4,5-12), Radicofani (5-5), Poggibonsi (5-5), Abbadia San Salvatore (4,5-12), Buonconvento (4,8-12), Cetona (4,5-6), Gaiole in Chianti (4,2-12), Montepulciano (4,8-12), Radda in Chianti (4,5-12), Rapolano Terme (4,8-12), Chianciano Terme (4,8-12), Monteroni d’Arbia (4,2-12), Piancastagnaio (5-10), Siena (6-12).

Mini-Imu, ecco dove si paga in Toscana
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento