Cultura & Società
stampa

Come si organizza una giornata di team building?

Per ancora troppe persone fare team building coincide con quelle “americanate” che si vedono in TV dove colleghi e collaboratori trascorrono tante ore insieme per uscirne più amici di prima. In realtà questa attività che sta diventando molto popolare anche in Italia non ha nulla a che vedere con l’amicizia tra colleghi perché ha ben più nobili obiettivi.

Percorsi: Economia

A cosa serve fare team building?

Il team building fa bene all’azienda ed è un’attività o un insieme di attività finalizzate a creare un clima lavorativo vincente. Questo avviene facendo emergere le competenze individuali e insegnando al team a metterle a disposizione del gruppo per raggiungere obiettivi condividi. Come ci spiega questa agenzia specializzata in team building Milano, quindi, le attività di questo genere non servono solo al clima aziendale ma anche a migliorare le competenze del singolo.

Gli elementi essenziali

Per organizzare una giornata di team building, quindi, non serve compiere chissà quale impresa costosa e impegnativa. Alle volte può bastare un’escursione nel verde, una lezione di Yoga posturale di gruppo, un gioco e così via. Per organizzare una giornata DOC conviene sempre rivolgersi a dei professionisti ma, grosso modo, i punti salienti sono tre:

  1. Gioco o attività
  2. Relax e distensione
  3. Focus sul lavoro

Gioco e attività

Il momento del gioco o dell’attività è quello in cui ci togliamo di dosso gli indumenti di lavoro e lasciamo stare le questioni di ufficio. Si tratta di una fase in cui torniamo “umani” e ci liberiamo del ruolo di colleghi per mostrarci da un punto di vista che, sicuramente, non tutti conoscevano. Il gioco diverte e rilassa e permette alle persone di legare meglio senza troppi registri o filtri tipici dell’ambiente di lavoro.

Relax e break

Successivamente ci sarà una fase di relax, ideale per chiacchierare dell’attività svolta, rifocillarsi o mangiare un boccone tutti assieme. Questa fase può coincidere con un pranzetto al ristorante o con un piccolo coffe break a base di bevande calde e pasticcini. Non ci sono precise regole culinarie da seguire perché è solamente una fase che crea il distacco essenziale per passare all’ultima parte della giornata di team building.

Focus group

Arriva il momento del focus sul lavoro e, per questa particolare attività, ci sono miriadi di opzioni praticabili. L’importante è che il tema centrale sia il lavoro e che ognuno possa esprimere se stesso, il proprio giudizio ed i propri suggerimenti. Magari può essere l’occasione ideale per parlare di come è andato l’anno e di quali sono gli obiettivi futuri che si possono raggiungere o si può decidere di fare il punto per capire cosa non va e cosa deve essere migliorato.

Affidati ai professionisti

Questo proposto è solamente uno schema riassuntivo molto breve perché le possibilità del campo del team building sono infinite. Il vantaggio di affidarsi ad un esperto risiede nel fatto per cui questo penserà a tutto e non dovrai preoccuparti di nulla, godendoti la giornata. L’esperto sa come gestire tensioni o frizioni ma anche come invogliare tutte le persone a partecipare attivamente creando valore e condivisione al termine della giornata.

Come si organizza una giornata di team building?
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento