Vita Chiesa
stampa

Papa: Angelus, “noi amiamo aggiungere, a Gesù piacciono le sottrazioni”. “Proviamo a condividere di più”

No alla “tragedia della fame, che riguarda in particolare i più piccoli”

Papa: Angelus, “noi amiamo aggiungere, a Gesù piacciono le sottrazioni”. “Proviamo a condividere di più”

“Il Signore può fare molto con il poco che gli mettiamo a disposizione”. Ne è convinto il Papa, che al termine della messa celebrata in sua rappresentanza da mons. Fisichella per la Giornata mondiale dei nonni e degli anziani si è affacciato dalla sua finestra per l’Angelus e ai presenti in piazza San Pietro ha ricordato che Dio “fa cose grandi a partire da quelle piccole, da quelle gratuite”. “Le nostre piccolezze a Gesù, e lui fa cose grandi”, ha aggiunto a braccio. Di qui la centralità della “logica della piccolezza e del dono, tanto diversa dalla nostra”. “Noi cerchiamo di accumulare, di aumentare quel che abbiamo; Gesù invece chiede di donare, di diminuire. Noi amiamo aggiungere, ci piacciono le addizioni; a Gesù piacciono le sottrazioni, il togliere qualcosa per darlo agli altri”, ha fatto notare Francesco: “Noi vogliamo moltiplicare per noi; Gesù apprezza quando dividiamo con gli altri, quando condividiamo”. “Il vero miracolo, dice Gesù, non è la moltiplicazione che produce vanto e potere, ma la divisione, la condivisione, che accresce l’amore e permette a Dio di compiere prodigi”, il commento all’episodio evangelico della moltiplicazione dei pani e dei pesci, al centro anche dell’omelia preparata per la Giornata e letta durante la messa in basilica di S. Pietro da mons. Fisichella. “Proviamo a condividere di più, proviamo la strada che Gesù ci insegna”, l’aggiunta a braccio.

“Anche oggi il moltiplicarsi dei beni non risolve i problemi senza una giusta condivisione”, ha poi proseguito commentando l’episodio evangelico della moltiplicazione dei pani e dei pesci. “Viene alla mente la tragedia della fame, che riguarda in particolare i più piccoli”, le parole di Francesco all’Angelus guidato dalla sua finestra che si affaccia in piazza San Pietro: “È stato calcolato che ogni giorno nel mondo circa settemila bambini sotto i cinque anni muoiono per motivi legati alla malnutrizione, perché non hanno di che sopravvivere”. “Di fronte a scandali come questi – ha spiegato il Papa – Gesù rivolge anche a noi un invito, un invito simile a quello che probabilmente ricevette il ragazzo del Vangelo, che non ha nome e nel quale possiamo vederci tutti noi: ‘Coraggio, dona il poco che hai, i tuoi talenti e i tuoi beni, mettili a disposizione di Gesù e dei fratelli. Non temere, nulla andrà perso, perché, se condividi, Dio moltiplica. Scaccia la falsa modestia di sentirti inadeguato, fidati. Credi nell’amore, nel potere del servizio, nella forza della gratuità’”.

Fonte: Sir
Papa: Angelus, “noi amiamo aggiungere, a Gesù piacciono le sottrazioni”. “Proviamo a condividere di più”
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento