Toscana
stampa

Lunedì a Firenze i funerali del giudice Alessandro Margara, padre della riforma carceraria

“Con Margara perdiamo un magistrato di grande valore e umanità: è stato tra gli ispiratori di una riforma dell’ordinamento penitenziario tra le più avanzate d’Europa”. Lo afferma il sindaco di Firenze Dario Nardella appresa la notizia della morte del magistrato Alessandro Margara. 
“Margara ha dedicato la sua vita e il suo sapere ai detenuti lasciando un’impronta profonda nel mondo penitenziario - ha concluso il sindaco -. Ai figli Niccolò e Francesco vanno le condoglianze mie personali, dell’amministrazione della città di Firenze”.

Percorsi: Giustizia
Lunedì a Firenze i funerali del giudice Alessandro Margara, padre della riforma carceraria

Alessandro Margara, l’ispiratore della riforma penitenziaria insieme a Mario Gozzini, aveva da poco compiuto 86 anni. Lascia due figli, Niccolò e Francesco. Nato a Massa è stato Giudice Istruttore Ravenna e poi a Firenze dal ’65 al ’76. Dal ’76 all’80 è stato magistrato di sorveglianza a Bologna, poi fino al 1997 a Firenze. Nel 1986 fu approvata la riforma dell’ordinamento penitenziario nota come legge Gozzini, nata dal desiderio di trattare i detenuti come persone. Per alcuni anni è stato anche direttore generale del Dipartimento della amministrazione penitenziaria. Dal 2011 al 2013 è stato il garante dei detenuti della Regione Toscana.

La salma è esposta presso la Misericordia di Badia Ripoli e il funerale sarà celebrato lunedì alle 10 nella chiesa di san Piero in Palco (la sua parrocchia) in piazza Elia Dalla Costa.

(Immagine dal sito www.poliziapenitenziaria.it )

Lunedì a Firenze i funerali del giudice Alessandro Margara, padre della riforma carceraria
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento