Toscana
stampa

Meningite C, in Toscana vaccinazione a tappeto. La Regione: vaccino disponibile

Ecco i punti salienti della delibera messa a punto negli uffici dell'assessorato regionale al diritto alla salute, che delinea la strategia per prevenire la diffusione del meningococco C in Toscana, e che verrà approvata dalla giunta regionale lunedì prossimo

Percorsi: Giovani - Regione - Sanità - Toscana
Parole chiave: meningite (60), vaccino (17), vaccinazione (9)
Meningite C, in Toscana vaccinazione a tappeto. La Regione: vaccino disponibile

Offerta attiva e gratuita del vaccino antimeningococco C a tutti i ragazzi dall'11° anno di vita fino al compimento del 20° anno. Offerta gratuita del vaccino a quanti, nella fascia di età 21-45 anni, hanno frequentato le comunità in cui si è verificato un caso di meningite da meningococco C. Sempre nella fascia di età 21-45 anni, per tutto il 2015 il vaccino sarà disponibile gratuitamente per chi lo richiederà, nelle Asl in cui si è verificato un caso di meningite C.

Questi, in sintesi, i punti salienti della delibera messa a punto negli uffici dell'assessorato al diritto alla salute, che delinea la strategia per prevenire la diffusione del meningococco C in Toscana, e che verrà approvata dalla giunta regionale lunedì prossimo. La novità principale riguarda l'offerta attiva (vale a dire, chiamando i ragazzi) e gratuita per gli 11-20enni, che modifica anche il calendario vaccinale regionale.

Il vaccino in questione è quello tetravalente, cioè valido per i ceppi A, C, W, Y. Sarà possibile vaccinarsi negli ambulatori pubblici e dai medici e pediatri di famiglia.

La situazione epidemiologica registrata in Toscana nei primi quattro mesi del 2015 evidenzia un aumento dei casi da meningococco C, con una letalià di oltre il 30%. La tipizzazione dei casi di meningite/sepsi da meningococco ha rilevato, infatti, la presenza di un ceppo ST11 particolarmente virulento. Dall'inizio del 2015, i casi di meningite C che si sono verificati in Toscana sono stati 16 (4 dei quali mortali: 3 a Empoli e 1 a Montevarchi). Da qui l'esigenza di un'efficace strategia per adeguare la politica vaccinale all'evoluzione della situazione epidemiologica delle malattie da meningococco; si è costantemente sentito anche il parere tecnico scientifico dell'Istituto Superiore di Sanità.

Intanto dall'assessorato giungono rassicurazioni «sulla disponibilità immediata, e futura, del vaccino secondo le quantità già programmate». «Ciascuna Asl - si legge in una nota della Regione - si è organizzata per offrire al meglio il servizio di vaccinazione, alcune disponendo anche aperture straordinarie e numeri telefonici dedicati. Per tutte le informazioni, i cittadini possono rivolgersi alla propria Asl di appartenenza».

Il senatore di Forza Italia Altero Matteoli ha presentato un'interrogazione urgente al ministro della Salute Beatrice Lorenzin: «Negli ultimi due mesi si sono registrati in Toscana, nelle province di Firenze e di Pistoia, ben 17 casi di malattia meningococcica, alcuni dovuti al meningococco di tipo C, in forma di meningite, e altri in forma più grave di sepsi (setticemia). Taluni casi hanno avuto purtroppo esito infausto». «Davanti a tale oggettivo allarme, che preoccupa le popolazioni toscane - spiega Matteoli - chiediamo l'intervento del ministro della Salute per monitorare quanto sta accadendo, per verificare se L'Istituto Superiore di Sanità stia intervenendo in supporto dell'amministrazione regionale e di quelle locali. Se, ad esempio, - conclude il senatore - siano stati distribuiti in modo sufficiente i vaccini e se siano state assunte tutte le necessarie azioni di contrasto alla diffusione della malattia».

Ecco, punto per punto, quanto stabilisce la delibera sulla prevenzione della diffusione del meningococco C in Toscana:

- integrare e modificare il Calendario vaccinale regionale, offrendo attivamente e gratuitamente la vaccinazione con vaccino tetravalente ACWY ai ragazzi dall'11° anno di vita fino al compimento del 20° anno;

- offrire la vaccinazione con vaccino tetravalente ACWY ai soggetti ai quali viene fatta profilassi in quanto entrati in contatto con un caso di meningococco C;

- offrire la vaccinazione gratuita con vaccino antimeningococco tetravalente ACWY nella fascia di età 21-45 anni ai soggetti frequentatori delle comunità in cui si è verificato un caso di sepsi/meningite da meningococco C; le comunità verranno, da subito, individuate dai servizi di prevenzione delle relative aziende sanitarie, secondo criteri definiti a livello regionale;
- effettuare, anche per valutare l'impatto delle modalità preventive adottate, un monitoraggio costante dei ceppi circolanti attraverso la genotipizzazione da effettuarsi presso il Laboratorio di Immunologia dell'AOU Meyer;
- stabilire che per tutto l'anno 2015, il vaccino tetravalente ACWY venga reso disponibile gratuitamente e su richiesta, nella fascia di età 21-45 anni nelle aziende sanitarie nelle quali si è verificato un caso di meningite del ceppo C (cioè le Asl 2 di Lucca, 3 di Pistoia, 4 di Prato, 5 di Pisa, 8 di Arezzo, 10 di Firenze, 11 di Empoli).
- stabilire che la vaccinazione venga resa disponibile presso i servizi pubblici territoriali (Igiene e Sanità Pubblica e Distrettuale ), medici di medicina generale e pediatri di famiglia.

Che cosa è la meningite? Ecco cosa dice il portale dell'epidemiologia per la sanità pubblica

Liberi dalla meningite: il portale del Comitato Nazionale Contro la Meningite

Fonte: Comunicato stampa
Meningite C, in Toscana vaccinazione a tappeto. La Regione: vaccino disponibile
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento