Vita Chiesa
stampa

Card. Bassetti a Bruxelles: «diffondere speranza a questa nostra madre comune»

(dall'inviata a Bruxelles) «L'Italia ha sempre dato una spinta fattiva e credo che continuerà a farlo, con i suoi valori, con le sue istituzioni e, soprattutto, portando speranza». Lo ha affermato il cardinale Gualtiero Bassetti, presidente della Cei, incontrando i giornalisti a margine dell'incontro bilaterale che questa mattina a Bruxelles ha avuto con il presidente del Parlamento europeo, Antonio Tajani.

Il card. Gualtiero Bassetti (Foto Sir)

«Noi - ha aggiunto il presidente della Cei - siamo nel cuore del Mediterraneo e abbiamo questa vocazione come italiani: quella di diffondere speranza a questa nostra madre comune che è l'Europa». Alla domanda se anche Salvini può diffondere speranza, Bassetti ha risposto che «chiunque» lo può fare.

«Ci siamo confrontati su questa casa comune che dev'essere l'Europa. L'Europa non può essere soltanto un'aggregazione di Stati oppure qualche cosa che riguarda il mondo finanziario», ha affermato il presidente della Cei. «Dai padri fondatori - ha aggiunto - l'Europa è stata concepita come comunità», una «parola che implica il concetto di persona, di insieme di famiglie, e anche di un cammino che si fa in maniera unitaria». «Noi auguriamo veramente all'Europa di ritrovare sempre più questa sua vocazione iniziale, per potere fare fronte ai tantissimi problemi che sono all'orizzonte e che soltanto insieme possiamo affrontare».

«È stato un dialogo proficuo». Così il presidente del Parlamento europeo, Antonio Tajani, ha commentato da parte sua l'incontro bilaterale che questa mattina a Bruxelles ha avuto con il presidente della Cei, il card. Gualtiero Bassetti, e alcuni vescovi italiani. Rivolgendosi ai giornalisti Tajani ha evidenziato che «abbiamo affrontato i problemi che riguardano il futuro dell'Europa, i rapporti tra le istituzioni europee e le religioni». Inoltre, «abbiamo affrontato tutte le questioni che riguardano l'azione sociale che svolge la Chiesa cattolica non soltanto in Italia ma anche in Europa». «Abbiamo anche parlato della persecuzione dei cristiani nel mondo», ha aggiunto il presidente del Parlamento europeo ribadendo quanto scritto in un recente documento dell'Europarlamento: «Si tratta di un vero e proprio genocidio».

Secondo Tajani, «l'omicidio della giovane pakistana, arsa viva dal fidanzato perché non si voleva convertire, è l'ennesima prova dell'intolleranza e della violenza che subiscono ingiustamente i cristiani nel mondo». «Noi - ha proseguito - dobbiamo alzare la nostra voce perché la libertà religiosa non è un fatto privato, ma ognuno deve poter dire di fronte a tutti che crede in Dio. Questo vale per i cristiani e per tutti coloro che hanno un fede».

Card. Bassetti a Bruxelles: «diffondere speranza a questa nostra madre comune»
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento